(Fonte immagine: bookblister.com)

In questo momento storico non particolarmente facile, in cui siamo costretti a rimanere in casa, a rivedere un po’ quella che è la nostra vita e anche quelle che sono le nostre priorità, ecco che la letteratura ci viene in soccorso. Questo periodo di quarantena, oltre che darci la possibilità di leggere finalmente tutti quei libri che abbiamo comprato e lasciato sul comodino pensando “quando ho tempo lo leggo sicuro”, ci permette di rileggere i romanzi più famosi della letteratura (o leggere per la prima volta, perché no). Qui di seguito un elenco di libri da rileggere durante questa clausura, dalla Russia fino al Sudamerica.

5 libri da rileggere

GUERRA E PACE – Lev Nikolaevic Tolstoj  

(Fonte: einaudi.it)

Uno dei romanzi storici più importanti della letteratura, l’epopea di due famiglie, la descrizione della nobiltà russa del periodo napoleonico. Due famiglie, i Rostov e i Bolkonskij, autentiche e genuine, le cui vite si intrecciano a quelle della famiglia corrotta dei Kuragin. Una moltitudine di personaggi tra cui spicca la bella, di indole pura e contemporaneamente forte Natasa, ma anche il principe Andrei, che porta il suo coraggio in guerra e vive un amore infelice, fino ad arrivare all’enigmatico Bezuchov, che comprende quelli che sono i dolori del mondo. Un intreccio narrativo complesso che unisce personaggi d’invenzione a personaggi storici. Un’esplorazione dell’animo umano, dei suoi lati oscuri e dei suoi lati luminosi. Un poema epico, come lo definì lo stesso Tolstoj, che rimane però sempre attuale. Un romanzo bellissimo da leggere per la prima volta. Ma anche un libro da rileggere.

MADAME BOVARY – Gustave Flaubert

(Fonte: pinterest.com)

La storia di Emma Bovary è solo in apparenza la storia di una vita mancata. Piuttosto è il racconto della mancanza di vita: Madame Bovary è un personaggio complesso, ambizioso, una povera adultera malata di sogni impossibili e irrealizzabili, governata dalla fatalità, che fa la sua scalata sociale che altro non è che una salita verso il finale tragico. Uno dei più importanti romanzi di Gustave Flaubert, tacciato di immoralità all’indomani della sua pubblicazione, è una delle opere maggiori della letteratura francese e della letteratura mondiale.

ORGOGLIO E PREGIUDIZIO – Jane Austen

(Fonte: libraccio.it)

 “È cosa nota e universalmente riconosciuta che uno scapolo in possesso di un solido patrimonio debba essere in cerca di moglie.” è l’incipit di uno dei romanzi più famosi della letteratura inglese e sicuramente uno dei libri da rileggere durante questa quarantena. Ma anche in generale nella vita. Jane Austen ci racconta la storia delle 5 sorelle Bennet, tutte alla ricerca di un’adeguata sistemazione matrimoniale, e lo sfondo è la campagna inglese di fine Settecento. I destini di Elizabeth, Jane, Mr Bingley e dell’ombroso Mr Darcy intrecciano un balletto irresistibile, si descrive l’imprevedibilità e la complessità dell’animo umano, specie quando si trova alle prese con l’amore o qualcosa che all’amore somiglia.

LA COSCIENZA DI ZENO – Italo Svevo

(Fonte: ibs.it)

Il più importante romanzo di Italo Svevo, per lungo tempo incompreso, è uno dei capolavori della letteratura italiana. Un viaggio attraverso la psiche, un protagonista inetto e incapace rispetto alla vita, l’eros vissuto come valvola di sfogo, il labile confine tra malattia e salute: Zeno Cosini ci porta a riflettere su quelle che sono le contraddizioni della società borghese. Il primo romanzo psicoanalitico della nostra letteratura, con quest’opera Svevo è riuscito a interpretare, capire, e anche ad anticipare quelle che sono le ansie, quelli che sono i timori in una società in continua evoluzione.

CENT’ANNI DI SOLITUDINE – Gabriel Garcia-Marquez

(Fonte: rainews.it)

La storia lunga cento anni della famiglia Buendia e della città di Macondo. Nelle pergamene dell’indovino Melquiades si compie il destino della città, dalla fondazione, passando per la sua momentanea fortuna – grazie agli americani e alla piantagione di banane – per arrivare poi allo sgretolarsi di tutto e alla sua fine. La parabola della famiglia Buendia e la parabola di Macondo sono intrecciate, e sullo sfondo di questo decadimento vi sono le 23 guerre civili promosse dal colonnello Aureliano Buendia, che non ne ha vinta alcuna, e la morte di ogni componente di questa strana famiglia. Gabriel Garcia Marquez è riuscito a creare un universo di solitudini in cui si ritrova una moltitudine di eroi. Un libro da leggere e rileggere.

JOLLY: Le favole di Esopo

(Fonte: maremagnum.com)

Una raccolta di 358 favole morali scritte da Esopo nel VI secolo a.C., e ognuna di esse possiede un motto di spirito o una morale. Adatte ai ragazzi cui sono effettivamente rivolti questi insegnamenti, sono componimenti brevi i cui protagonisti sono spesso (ma non solo) animali personificati che educano ai valori della vita, a comportarsi nel modo giusto e a rifuggire le cattive azioni. Sempre attuale nonostante il passare del tempo.

Scegliete un libro e buona lettura!

Valentina Cimino

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here