cuba, api, agricoltura biologica
Fonte: kuzeyormanlari.org

A seguito della caduta dell’URSS, principale fornitore di pesticidi e beni alimentari, Cuba si è trovata sola ad affrontare gli effetti dell’embargo e dagli anni Novanta ha iniziato ad adottare metodi di coltivazione quasi del tutto naturali. La mancata fornitura di pesticidi e sostanze chimiche da parte della Russia dopo la Caduta del Muro di Berlino ha infatti permesso all’isola dei Caraibi di sviluppare tecniche di agricoltura biologica altamente produttive, di evitare la carestia e di ricreare un vero e proprio paradiso delle api. Se nel resto del mondo la popolazione di api è in diminuzione costante, a Cuba aumenta la produzione di miele biologico.

Cuba è l’isola dell’agricoltura biologica 

“A Cuba abbiamo dovuto adottare l’agricoltura biologica non per convinzione, ma per necessità. Le alternative erano due: produrre biologico o morire di fame” spiega in un reportage di France24 una donna impiegata in una cooperativa agricola nel distretto di Alamar, a L’Avana.

Il termine agricoltura organoponica designa il sistema agricolo utilizzato negli orti urbani delle città cubane, in cui le coltivazioni poggiano su strati di materia organica o compost. Inoltre, è previsto l’uso di tecniche eco-sostenibili e naturali per il controllo dei parassiti e il miglioramento della fertilità del suolo senza l’utilizzo di pesticidi e diserbanti. Le api giovano particolarmente dell’assenza di sostanze chimiche nelle coltivazioni, producendo un miele di alta qualità. 

Dal periodo coloniale alla rivoluzione castrista Cuba ha vissuto gli effetti devastanti della monocoltura della canna da zucchero e del tabacco sul terreno, reso meno fertile, e sulla biodiversità. Tuttavia, la situazione è radicalmente cambiata a causa di un avvenimento storico epocale: il crollo dell’Unione Sovietica. Di fatti, il lungo bloqueo, imposto dagli Stati Uniti immediatamente dopo la Rivoluzione, aveva reso Cuba economicamente ed energicamente dipendente dall’URSS, con cui aveva stretto forti legami diplomatici. Risulta facile immaginare come la fine della guerra fredda abbia influito sulla fragile economia del Paese, privato dei sussidi e degli aiuti provenienti da Mosca. Trovandosi isolata e senza protezione militare, Cuba ha dovuto far fronte al problema della fame con un’economia fondata sulle monoculture in crisi e la mancata fornitura di pesticidi, combustibile e fertilizzanti. Si è sviluppato così un know-how del tutto peculiare, come dimostra il lavoro dei biologici che creano fertilizzanti naturali con cadenza regolare.

I risultati di questo sviluppo eccezionale dell’agricoltura biologica urbana sembrano ottimi, dal momento che più di 4.000 aziende agricole situate nelle città dell’isola riescono a produrre 1,5 milioni di tonnellate di prodotti ortofrutticoli, rigorosamente privi di pesticidi e fertilizzanti chimici. Di fatti, è possibile chiamare questo tipo di produzione “biologica-intensiva”, che consente di coltivare tutto l’anno. Nel tempio dell’agricoltura biologica cubana, la Finca Marta diretta da Fernando Fuentes, il terreno viene suddiviso in lotti e ognuno di questi può sostenere fino a 7 o 8 rotazioni in un solo anno. 

La vita segreta delle api a Cuba

Fonte: Clarin.com

Adottando tecniche di agricoltura biologica e pratiche di economia solidale, Cuba è riuscita a unire i saperi ancestrali e tradizionali all’estremo bisogno di alimenti sani. Rompendo con il passato, l’abbandono delle monoculture e il lento ritorno della biodiversità potrebbero consentire il raggiungimento dell’autosufficienza agroalimentare. Un settore in forte crescita è proprio quello dell’apicoltura con la sua produzione annua pari a novemila tonnellate, che beneficia grandemente della drastica riduzione nell’uso di pesticidi in agricoltura avvenuta nel corso di trent’anni. Come evidenziato nel documentario di ARTE, ogni inverno in tutto il mondo la popolazione di api scende del 20-30%, ma a Cuba ciò non avviene e le api sembrano godere di buona salute. Forse l’isola caraibica sarà presto conosciuta non più per i celebri sigari, bensì per l’incontaminato miele privo di sostanze artificiali. 

Sviluppo sostenibile e sfide future

In “Ecologia dei poveri. La lotta per la giustizia ambientale”, edito Jaca Book, Martínez Alier ha individuato una coscienza ecologica nel Sud del Mondo distinta dal ricco ambientalismo occidentale, in quanto motivato dalla necessità di sopravvivere e dalla resistenza all’aggressione da parte dei paesi industrializzati, che hanno depredato le risorse naturali e distrutto l’ambiente del Sud. A Cuba, invece, sono state le circostanze storiche, che hanno condotto al suo isolamento, a incentivare lo sviluppo di pratiche ecologiche alternative. Tuttavia, non bisogna dimenticare il ruolo della Rivoluzione Cubana nel promuovere una politica sociale e umanista che ha consentito al Paese di ottenere enormi progressi, sopratutto in materia di sviluppo sostenibile. Cuba ha di fatti adottato l’Agenda 2030 dell’ONU con i suoi 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile, in continuità con il successo nel raggiungimento degli 8 Obiettivi del Millennio per il 2015. Già nel 2006 il Paese risultava essere l’unica nazione al mondo con un modello di sviluppo completamente sostenibile, data la bassa impronta ecologica e un punteggio superiore allo 0,8 nell’Indice di sviluppo umano, al 50esimo posto tra i 177 paesi partecipanti all’indagine.

Nonostante le misure di contenimento e di prevenzione contro la COVID-19 abbiano avuto esito positivo, soprattutto se si paragonano i dati del contagio cubano con quelli del Cile (Paese a forte guida neoliberista), Cuba si trova ora ad affrontare una crisi economica pesante. Il virus ha infatti amplificato gli effetti delle sanzioni di Trump, che vuole spezzare i rapporti dell’Avana con Caracas, colpendo l’isola a livello economico e finanziario per aizzare le rivolte a seguito del razionamento dei generi alimentari. 

La domanda sorge ora spontanea: siamo giunti alla meta finale della storia, come teorizzato da Francis Fukuyama, o è possibile un’alternativa? Cuba con le sue pratiche economiche solidali e la sua agricoltura biologica sembra dimostrare l’esistenza di nuove possibilità in alternativa ad un sistema economico che produce effetti nefasti sull’ambiente e che ha soverchiato le altre sfere dell’esistenza umana. Forse si può immaginare un nuovo orizzonte.

Rebecca Graziosi

4 Commenti

  1. Grazie, molto interessante, sono stato nel 2007 al congresso di apicoltura dell’ america latina, ho imparato tante cose.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui