Dpcm Fase 2
Fonte immagine: lavoroediritti.com

Solito schema, stesse modalità, ormai è una consuetudine, il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, si presenta in diretta ed espone i punti salienti del nuovo provvedimento, il quale sarà poi pubblicato in Gazzetta Ufficiale, e così anche per il nuovo Dpcm. Tutto pronto, o quasi, per la cosiddetta “Fase 2”, che prevede alcune aperture delle attività lavorative a partire dal 4 maggio. Brusaferro (Iss) avverte: «Riapriamo, ma se i contagi salgono pronti a nuovo stop».

Di seguito un’analisi dei punti principali contenuti nel nuovo Dpcm:

Edilizia: a partire da subito i cantieri per carceri, scuole, presidi sanitari e case popolari. Ovviamente il tutto adottando i protocolli previsti dal ministero delle infrastrutture, misurazione della temperatura prima dell’accesso al cantiere e sanificazione periodica delle aree comuni.

Cibo da asporto: dal 4 maggio sarà possibile comprare cibo da asporto, da consumare esclusivamente a casa o in ufficio.

Parchi e giardini pubblici: anche qui la data è il 4 maggio e l’orientamento è quello di continuare a mantenere le distanze.

Sport: l’attività sportiva individuale è consentita anche a distanza dalla propria abitazione a partire dal 4 maggio, per quella di gruppo bisogna attendere il 18 maggio.

Parrucchieri ed estetisti: bisogna fare qualche differenza. Il commercio al dettaglio parte già dal 18 maggio, per i parrucchieri e estetisti il Dpcm è stato più restrittivo, si dovrà attendere il 1 giugno.

Ristoranti: l’apertura è prevista per il 1 giugno. Sanificazione dei locali, distanziamento sociale, entrata e uscita differenziate e pagamenti preferibilmente in modalità digitale.

Musei: riapertura a partire dal 18 maggio.

Spostamenti: resta ancora il divieto di potersi spostare tra Regioni nella Fase 2, salvo i “comprovati motivi di urgenza, salute e lavoro”. Possibile far visita ai parenti. A far scattare la polemica è la parola “congiunti” che si legge nell’art. 1 del Dpcm; l’interpretazione di Palazzo Chigi segue la linea giurisprudenziale della Suprema Corte di Cassazione e vi fa rientrare anche gli “affetti stabili”, quindi parenti fino al sesto grado, affini fino al quarto grado, fidanzati. No invece alle visite agli amici.

Mezzi pubblici: termoscanner in tutte le stazioni e aeroporti e distanziamento tra i passeggeri.

Funerali: sono consentiti i funerali con un massimo di 15 persone già dal 4 maggio. Per le messe bisogna ancora attendere, ancora non è chiara la data precisa. Prima dell’uscita del Dpcm sembrava essersi instaurato un dialogo tra Governo e CEI – Conferenza Episcopale Italiana, che non ha però nella sostanza portato a un compromesso. Anzi i vescovi, in un comunicato, hanno espresso il totale disappunto nei confronti del provvedimento governativo.

Scuola: per il tema scuola è ancora tutto in alto mare. Il Governo sta studiando le misure da adottare per gli esami di Stato in presenza pur garantendo tutte le misure di sicurezza.

Gaetano Manzari

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here