Julia (fonte immagine: thepostmillennial.com

Sandra Newman scriverà una versione femminista di “1984”, il romanzo distopico nonché capolavoro della letteratura mondiale di George Orwell: questa volta la voce sarà quella di Julia.

Il ritorno di 1984

Un’idea che da tempo circolava nei circoli letterari anglosassoni era quella di trovare qualcuno che fosse capace di proseguire il racconto che vede come protagonista Winston Smith, qualcuno che fosse capace di di ampliare il mondo di 1984. Adesso, secondo quanto riportato da il Guardian, l’Orwell Estate ha ufficializzato che sarà Sandra Newman a far rivivere il Grande Fratello, con una operazione che appare fin da subito ben più articolata di un prequel o di un sequel: Sandra Newman infatti riscriverà l’opera orwelliana dal punto di vista della co-protagonista del racconto originale, Julia. Una riscrittura in chiave femminile ma non solo, anche in chiave femminista.

fonte immagine: theguardian.com

Pubblicato per la prima volta nel 1949, il romanzo distopico 1984 è ambientato in uno stato dittatoriale che controlla ogni aspetto della vita dei suoi cittadini. Il protagonista è Winston Smith, che non è affatto un sostenitore della dittatura, e che un giorno incontra una donna, Julia. E Julia è la donna di cui si innamora e con cui inizia una relazione clandestina. Winston e Julia sono insieme la notte in cui lui viene catturato e consegnato all’uomo incaricato della sua “rieducazione”.

In Julia la scrittrice Sandra Newman racconterà questa stessa storia, ma lo farà concentrandosi sul personaggio femminile della vicenda. Bill Hamilton – Literary Executor dell’Orwell Estate – ha dichiarato al The Guardian: “Ci sono due domande che restano senza risposta nel libro di Orwell: cosa Julia vede in Winston e come si è fatta strada attraverso la gerarchia del partito. Sandra Newman sa muoversi in profondità all’interno del mondo del Grande Fratello e sa farlo in modo pienamente convincete, fedele all’originale ma anche con un taglio narrativo diverso che ben si affianca a quello di Orwell. I milioni di lettori che sono cresciuti leggendo ‘1984’ troveranno in questo nuovo lavoro un compagno stimolante e soddisfacente”. L’editore di Newman, Granta, ha dichiarato inoltre che il figlio di Orwell ha dato la sua approvazione al progetto.

fonte immagine: repubblica.it

I puristi orwelliani hanno già storto il naso. 1984 è un capolavoro e come tale è intoccabile. In più pongono la questione anche sull’azzardo della rilettura femminista del romanzo, vista come operazione di puro marketing. Alcune persone sostengono che in realtà questa nuova visione della storia sia tutto tranne che femminismo: anzi, è un atto di sottomissione, una ammissione di sudditanza . Le donne che “rileggono” i capolavori dei maschi – anche se ne ribaltano il contenuto – in realtà ne stanno celebrando la grandezza.

Sandra Newman è però una scrittrice brava e di talento, nota soprattutto per I cieli, che ha in uscita un romanzo – The Men – una distopia in cui viene raccontata la storia dell’umanità dopo la scomparsa di ogni maschio dalla Terra.

Non ci resta che attendere l’uscita di questo nuovo capitolo orwelliano, per vedere se sarà una celebrazione o una distorsione di George Orwell.

Valentina Cimino

5 x mille Survival
Volevo studiare lettere e alla fine mi sono iscritta a giurisprudenza. Appassionata di libri, poesie e balletto. Proud to be nerd. Lavoro, scrivo, leggo, mangio. Dormo poco.

2 Commenti

  1. Ne sono assolutamente entusiasta! Sai la data di prevista uscita in Italia? Editore?
    1984 è un romanzo distopico formativo che ha lasciato il segno in molti, ma quando sento che qualcuno s’è opposto a “Julia” è chiaro che il segno non lo abbia lasciato a sufficienza!

  2. Purtroppo non c’è ancora alcuna notizia al riguardo! Non ci resta che attendere i prossimi mesi.

    Grazie per aver letto e commentato il mio articolo!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui