Home Cultura Sanremo 2024: quali sorprese ci attendono?

Sanremo 2024: quali sorprese ci attendono?

Sanremo 2024. Fonte: www. agimeg.it
Sanremo 2024. Fonte: www. agimeg.it

Ormai manca davvero poco all’inizio del 74° Festival di Sanremo: martedì 6 febbraio il Teatro Ariston riaprirà le sue porte ai tanti ospiti che vi parteciperanno e al pubblico. Ad accoglierli ci sarà Amadeus, conduttore e direttore artistico del Festival, affiancato, nelle serate che seguiranno, da cinque diversi co-conduttori: nello specifico, Marco Mengoni, Giorgia, Teresa Mannino, Lorella Cuccarini e l’immancabile Fiorello. Il Festival verrà trasmesso su Rai1, RaiPlay e Radio 2 e si chiuderà sabato 10 febbraio.

Gli artisti in gara a Sanremo 2024

Saranno trenta gli artisti che si esibiranno sul palco dell’Ariston e, come accaduto già l’anno scorso, anche per questa edizione non è prevista una separazione tra categorie: i Giovani, infatti, si sono già sfidati il 19 dicembre durante la Finale di Sanremo Giovani e tre di loro ritorneranno per cantare tra i Big. Ecco nel dettaglio le canzoni in gara a Sanremo 2024:

– Alessandra Amoroso – “Fino a qui”
– Alfa – “Vai!”
– Angelina Mango – “La noia”
– Annalisa – “Sinceramente”
– BigMama – “La rabbia non ti basta”
– Bnkr44 – “Governo Punk”
– Clara – “Diamanti grezzi”
– Dargen D’Amico – “Onda alta”
– Diodato – “Ti muovi”
– Emma – “Apnea”
– Fiorella Mannoia – “Mariposa”
– Fred De Palma – “Il cielo non ci vuole”
– Gazzelle – “Tutto qui”
– Geolier – “I p’ me, tu p’ te”
– Ghali – “Casa mia”
– Il Tre – “Fragili”
– Il Volo – “Capolavoro”
– Irama – “Tu no”
– La Sad – “Autodistruttivo”
– Loredana Berté – “Pazza”
– Mahmood – “Tuta gold”
– Maninni – “Spettacolare”
– Mr.Rain – “Due altalene”
– Negramaro – “Ricominciamo tutto”
– Renga Nek – “Pazzo di te”
– Ricchi e Poveri – “Ma non tutta la vita”
– Rose Villain – “Click boom!”
– Sangiovanni – “Finiscimi”
– Santi Francesi – “L’amore in bocca”

Gli ospiti attesi

Se il campione Jannik Sinner, ritornato di recente dalla vittoria agli Australian Open, ha declinato l’invito di Amadeus al Festival di Sanremo, tanti altri ospiti calcheranno il palco dell’Ariston, tra cui Russell Crowe, che verrà in compagnia della sua band. La star ha scelto di annunciare la propria partecipazione con un videomessaggio, andato in onda nel programma Viva Rai 2, condotto da Fiorello, in cui recita una delle sue frasi più famose tratta dal film Il Gladiatore: «Al mio segnale scatenate l’inferno!».

Ma Russell Crowe non sarà l’unico ospite internazionale: è, infatti, previsto l’arrivo anche di John Travolta. Amadeus annuncia così «l’attore che ha fatto ballare intere generazioni», che ritorna a Sanremo dopo ben 18 anni (era, infatti, stato ospite al Festival del 2006, nell’edizione condotta da Giorgio Panariello).

Attesissimo anche il ritorno di Giovanni Allevi, reduce dalla malattia che ha strenuamente combattuto per più di un anno.

Gli sponsor del Festival, tra volti noti e novità: non mancano le critiche

Rai Pubblicità ha già annunciato i partner commerciali che saranno al fianco del Festival di Sanremo, tra questi i partner istituzionali Costa Crociere, Eni con Enilive e Plenitude e Suzuki. Confermata anche la presenza di Generali e di Sephora e VeraLab.

Ci sono, però, anche dei volti nuovi: sono Coca-Cola e Mutti, due aziende importantissime nel settore food and beverage. Se da una parte ciò dimostra gli ottimi rapporti che Amadeus ha instaurato con tutta l’industria che ruota attorno al Festival, dall’altra ci sono, inevitabilmente, anche numerose critiche.

Greenpeace, la nota ONG ambientalista e pacifista, ha pubblicato sul proprio sito un articolo dal titolo “Al Festival di Sanremo torna il greenwashing di ENI”, riferendosi con ciò a quella strategia di comunicazione utilizzata per dare un’immagine positiva di sé nonostante i danni al clima. Nell’articolo, in particolare, Eni viene additata come il principale emettitore di CO₂ del nostro Paese che continua a investire sui combustibili fossili. Per questo l’organizzazione si è anche mobilitata perché l’azienda cambi il proprio piano industriale per non peggiorare la crisi climatica.

Ma Greenpeace non è l’unica a puntare l’attenzione sull’emergenza climatica: si pensi a Ultima Generazione, che di certo non usa mezzi termini per affermare la propria posizione.

In un clima così infiammato, quali conseguenze potrebbe avere la scelta di questi partner commerciali?

Mariella Rivelli

Nata e cresciuta a Potenza, in Basilicata, dove ho conseguito un diploma di maturità classica, ho studiato poi a Napoli Mediazione Linguistica e Culturale e Letterature e culture comparate. Curiosa, appassionata di lingue e culture straniere, amante della lettura, della scrittura e di ogni manifestazione culturale, durante le mie esperienze di studio e di lavoro all'estero ho imparato che non si possono esplorare e apprezzare mondi diversi senza conoscere il proprio. Credo fermamente che la determinazione sia fondamentale per raggiungere i propri obiettivi.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.