Fonte immagine: pexels.com

Nell’era del consumismo sfrenato, dove l’usa e getta regna sovrano, un elettrodomestico che si rompe rappresenta spesso un dilemma: ripararlo o sostituirlo? La scelta più immediata potrebbe essere quella di acquistare un nuovo modello, attratti dalle ultime tecnologie e dalle offerte allettanti. Tuttavia, questa scelta non è sempre la più sostenibile, né dal punto di vista economico né ambientale.

Riparare conviene: per quali motivi

  • Economicamente: il costo di una riparazione è spesso inferiore al prezzo di un nuovo elettrodomestico. In alcuni casi, si può risparmiare fino al 70%.
  • Ambientalmente: riparare un elettrodomestico significa ridurre i rifiuti elettronici, un problema crescente che ha un impatto significativo sull’ambiente.
  • Eticamente: allungare la vita degli oggetti che possediamo è un modo per contrastare la cultura dell’usa e getta e promuovere un consumo più responsabile.

Quali sono gli elettrodomestici che si rompono prima?

In generale, gli elettrodomestici più soggetti a guasti sono quelli con componenti meccanici o elettronici complessi. Tra questi troviamo:

  1. Lavatrici
  2. Lavastoviglie
  3. Frigoriferi
  4. Forni
  5. Asciugatrici

Come fare per riparare?

Se il vostro elettrodomestico si è rotto non c’è bisogno di disperarsi. Ecco alcuni consigli:

  • Verificare la garanzia: se l’elettrodomestico è ancora in garanzia il produttore è tenuto a ripararlo gratuitamente.
  • Contattare un centro assistenza autorizzato: i centri assistenza autorizzati dispongono di tecnici qualificati e ricambi originali, come nel caso di questo sito.
  • Valutare il costo della riparazione: se il costo della riparazione dovesse risultare troppo elevato potrebbe essere più conveniente acquistare un nuovo elettrodomestico.
  • Tentare il fai da te: se ci si sente particolarmente abili con il bricolage, potreste provare a riparare l’elettrodomestico da soli. In rete trovate numerosi tutorial e guide che possono aiutarvi.

Riparare è un atto di responsabilità verso l’ambiente, il portafoglio e la società. Scegliendo di riparare invece di buttare, diamo nuova vita ai nostri elettrodomestici, contribuendo a un futuro più sostenibile. Inoltre, è importante ricordare che dal 2021 è in vigore il “diritto alla riparazione”, che obbliga i produttori a fornire informazioni e ricambi per facilitare la riparazione degli elettrodomestici. In molti comuni sono attivi centri di riparazione dove è possibile riparare piccoli elettrodomestici a prezzi accessibili. Quindi, la prossima volta che un elettrodomestico si rompe, è bene pensarci prima di buttarlo via. Riparare potrebbe essere la scelta migliore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.