Tango per la libertà su Rai Uno

0
70
Tango per la libertà
Tango per la libertà

I promo durante le vacanze di Natale ci hanno allietato con motivi danzanti prettamente argentini. Melodie magiche, sensuali che incantano. Tutto ciò per promuovere una miniserie dal nome particolare: Tango per la libertà.

Un titolo curioso che vuole unire un piacere, quale il ballo, con un diritto: la libertà. Tango per la libertà è una fiction che sarà trasmessa da Rai Uno martedì 12 e mercoledì 13 gennaio alle 21:10. Protagonisti delle due puntate saranno Alessandro Preziosi, Rocio Munoz Morales, Giorgio Marchesi e Anna Valle. La trama è tratta dal libro Niente Asilo Politico scritto da Enrico Calamai, vice console italiano a Buenos Aires.

Tango per la libertà, così come il libro da cui è tratto, racconta la storia dei Desaparecidos in Argentina, durante il golpe militare del 1976 e nella fattispecie il tentativo proprio di Calamai di salvare vite umane durante il colpo di mano militare. La fiction, produzione Rai Fiction e Film Commission è stata girata a Torino la scorsa primavera ed è firmata dalla regia di Alberto Negrin.

Tango per la libertà, la cui sceneggiatura è stata approvata dallo stesso Calamai, racconta dunque di un fatto realmente accaduto, un fatto che possiamo definire storico. I nomi però sono di fantasia, così come una parte del racconto che, per esigenze di scrittura, è stato un po’ romanzato.

Così troveremo in Tango per la libertà il vice console Marco Ferreri, il quale vivrà una doppia relazione: con Carmen Espinosa, interpretata da Anna Valle e con Anna Ribeiro, interpretata da Rocio Munoz Morales, che durante il golpe scomparirà. Marco Ferreri sarà aiutato nelle ricerche dal suo amico Diego Madero, interpretato da Giorgio Marchesi.

Proprio nella prima puntata di Tango per la libertà, durante un ricevimento Marco Ferreri si invaghisce della bella cantante Anna Ribeiro. Quella notte l’esercito prende il potere e numerosi cittadini spariscono misteriosamente. È il dramma dei “desaparecidos” argentini di cui ancora oggi si paga il prezzo in tutto il mondo. Nella seconda puntata di Tango per la libertà la storia sarà incentrata ancora su Anna tenuta prigioniera dalla Marina, mentre Marco Ferreri cercherà di salvarla, così come cercherà di salvare numerosi italo-argentini attraverso la falsificazione dei passaporti per farli tornare in Italia sani e salvi.

L’ennesima fiction quindi, che vuole uscire dallo stereotipo di serie tv con poco contenuto e sostanza: Tango per la libertà non è altro che un racconto di vita vera, crudele e spietata, ma che non tralascia quel pizzico di romanticismo e di magia che è d’obbligo, anche affrontando temi come questi.

Promo e Backstage della fiction

Enrica Leone

CONDIVIDI
Articolo precedenteAddio caro Ziggy, caro Duca, caro David
Articolo successivoAllarme bomba al Tribunale di Salerno
Mi chiamo Enrica Leone, sono nata a Lecco. Diplomata con maturità scientifica, ho intrapreso la carriera universitaria presso la facoltà di Giurisprudenza. Entusiasmo, iniziativa e dinamismo mi hanno da sempre spinto ad andare avanti nel lavoro così come nello studio. Adoro scrivere e questa passione mi ha portata ad intraprendere avventure di ogni genere per poter portare a casa interviste ed acquisire il giusto grado di esperienza, per rendere i miei articoli ancora più miei. Una passione che mi ha portata a pubblicare pochi mesi fa il mio primo romanzo: Basta avere coraggio, presso la casa editrice Arduino Sacco Editore. Non smetto mai di rincorrere i miei sogni ed il più delle volte questi diventano i miei obiettivi che cerco in tutti i modo di raggiungere. Alla scrittura, da poco tempo ho affiancato il lavoro di organizzatrice di eventi di beneficenza ed assistenza alla comunicazione. Mi piace il contatto con il pubblico. A detta di chi collabora con me, sono una persona estremamente precisa, metodica e puntuale. Attenta affinchè il compito affidatomi possa venir portato a termine nel miglior modo possibile e nel tempo necessario. Amo il cinema, la televisione (quella di qualità) e tutto ciò che ha a che fare con lo spettacolo ed è questo ciò di cui mi occupo.

NESSUN COMMENTO