AssistiveWare, multimedialità e tecnologie per persone affette da disabilità

Nel campo dell’informatica con il termine tecnologie assistive si intende qualsiasi tipo di tecnologia utilizzabile da persone affette da disabilità per accrescere le proprie capacità. Grazie all’ausilio di queste particolari tecnologie una persona disabile può usufruire di servizi che altrimenti risulterebbero difficili o addirittura impossibili in modo semplice e naturale.

Le Assistive Technology si dividono in diverse categorie, ossia i dispositivi utilizzabili come ausilio motorio, didattico e i dispositivi informatici. Sono considerate tecnologie assistive le stampelle, le sedie a rotelle, gli autocorrettori, i gestori di flow-chart e i dispositivi hardware e software come ad esempio tastiere con tasti larghi e mouse con particolare impugnatura che consentono a chi ha difficoltà nell’utilizzo della mani di usare il PC con maggiore facilità oppure un programma di ausilio alla lettura per persone non vedenti.

E’ proprio in quest’ultimo ambito (hardware e software) che si è specializzata la nota azienda olandese AssistiveWare che da anni si occupa dello sviluppo di software per dispositivi iOS e Mac OS X per persone con disabilità motoria, visiva, comunicativa e problemi di lettura.

Il team della nota ditta di Amsterdam collabora ogni giorno con i professionisti del settore e gli utenti finali per creare prodotti all’avanguardia. Ad oggi sono circa 300 000 mila i clienti che usufruiscono delle tecnologie messe a punto da AssistiveWare.

Tra le applicazioni di maggior successo troviamo Proloquo2Go, un’applicazione per iPad, iPhone e iPod touch pensata per le persone con difficoltà di comunicazione. Grazie a quest’app è possibile comunicare attraverso l’utilizzo di un vocabolario composto da simboli e icone che permette di costruire frasi attraverso il proprio dispositivo mobile.

Altra app molto interessate è Proloquo4Text, applicazione per la comunicazione per minori alfabetizzati, ma non in grado di parlare. Il funzionamento è piuttosto semplice: accedendo a un layout di schermo personalizzabile con accesso rapido a suggerimenti di parole e altre funzionalità il bambino con difficoltà di comunicazione potrà esprimersi in modo naturale.

Tra le più scaricate troviamo anche Pictello e Keeble. La prima consente di creare storie sociali o programmi visivi per bambini affetti da autismo, mentre la seconda è una tastiera per iOS che permette agli utenti con difficoltà nell’utilizzo degli arti superiori di scrivere facilmente. Keeble offre suggerimenti di parole, opzioni di tempo, feedback acustici e altre funzionalità per rendere la scrittura accessibile a tutti.

A primo impatto sembrerebbe che lo scopo di AssistiveWare sia quello di offrire tecnologie rivolte soltanto a chi soffre di disturbi, ma non è così: qualsiasi utilizzatore può trarre beneficio dai prodotti che l’azienda ha messo e metterà sul mercato. Dopotutto le tecnologie assistive servono proprio a questo: facilitare la vita di tutti.

Eugenio Fiorentino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui