ActionAid Italia ha organizzato un convegno riguardante lo sradicamento della povertà a cui hanno partecipato anche personalità di spicco come Amina J. Mohammed, consigliere speciale del Segretario Generale dell’Onu.

ActionAid ha revisionato i cosiddetti Obiettivi di Sviluppo del Millennio (MSG) già sanciti nel 2000, modificandoli e chiamandoli SdGs (acronimo dall’inglese Obiettivi di sviluppo sostenibili). Se prima gli articoli erano 8 ora sono diventati 17, più complessi e articolati in vista dell’Anno Europeo per lo sviluppo dichiarato dall’Unione Europea nel 2015.

Ecco in sintesi i 17 SDG di ActionAid per sconfiggere la povertà:

  • porre fine alla povertà;
  • porre fine alla fame, conseguire la sicurezza alimentare e promuovere l’agricoltura sostenibile;
  • garantire salute e benessere per tutti;
  • garantire un’istruzione inclusiva ed equa;
  • raggiungere l’uguaglianza di genere;
  • accesso e gestione sostenibile dell’acqua e smaltimento dei rifiuti;
  • accesso a un’energia moderna, sostenibile e a prezzi equi;
  • promuovere una crescita economica sostenuta, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e un lavoro dignitoso;
  • costruire strutture resilienti;
  • ridurre le disuguaglianze;
  • rendere le città e tutti gli insediamenti umani inclusivi sicuri e sostenibili;
  • garantire modelli di produzione e consumo sostenibili;
  • adottare misure urgenti per contrastare il cambiamento climatico;
  • conservare e usare in modo sostenibile oceani, mari e risorse marine;
  • proteggere, ripristinare e promuovere l’uso sostenibile degli ecosistemi terrestri;
  • promuovere società pacifiche e inclusive per lo sviluppo, garantire accesso alla giustizia per tutti e costruire istituzioni efficienti, trasparenti e inclusive a tutti i livelli;
  • rafforzare i mezzi di implementazione e rilanciare la global partnership per lo sviluppo sostenibile.

Queste le parole di Amina J. Mohammed, ospite di lusso a riguardo: «Più che le parole sono le azioni importanti, è su esse che ci dobbiamo concentrare. La sfida sociale e quella ambientale/cambiamenti climatici fanno parte di un’unica agenda, dobbiamo considerarle insieme; secondo, dobbiamo soprattutto investire sulle capacità umane; terzo, le risorse esistono, ci sono ma dobbiamo sbloccarle. Sono miliardi, ma abbiamo bisogno di trilioni, abbiamo bisogno di strumenti finanziari che non vengono solo da banche e istituzioni, risorse che verranno da governi che garantiscono risorse e investimenti sicuri»

E aggiunge: «Cerchiamo di creare un’agenda condivisa per il 2015. Un’agenda difficile da creare perché non bisogna lasciare indietro nessuno. Finora mettere insieme i diversi paesi del mondo sviluppato non è stato facile. Abbiamo bisogno di una partnership globale per fare funzionare questi obiettivi e rafforzarli».

«Spero – ha concluso – che tra quindici anni potremmo tornare in questa sala e dire che siamo riusciti a sradicare la povertà. Solo insieme possiamo avere non solo pace, ma anche prosperità».

I prossimi tre appuntamenti internazionali (quello di Addis Abeba di fine luglio sulla Finanza per lo sviluppo sostenibile; di New York a settembre all’ONU sulla definizione dell’Agenda Post 2015 e di Ginevra per concludere i negoziati della World Trade Organization di Doha nel 2001) saranno determinanti per la costruzione di questo percorso.

Vincenzo Nicoletti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui