piattaforme di trading

Il mercato delle valute estere è quell’immenso e vasto campo all’interno del quale ogni giorno si concludono milioni di affari. Un mondo in continua crescita che negli ultimi anni si è avvalso delle tecnologie multimediali per ampliare il proprio bacino di utenza. Oggi sono tantissimi i trader che operano in autonomia sui mercati, da quelli azionari fino ad arrivare proprio a quello delle valute estere, che per convenzione viene identificato con il nome di forex (foreign exchange). Chi si avvicina a questo mondo, che per onestà deve essere indicato come estremamente a rischio dato che la maggior parte dei trader che fanno forex finisce con il perdere i propri soldi, lo deve fare scegliendo una piattaforma cui affidarsi. E gran parte dell’esito finale dell’investimento dipende proprio dal broker al quale ci si andrà ad affidare: oggi ce ne sono tanti, ciascuno con un proprio livello di affidabilità e caratteristiche. Quali sono i più noti?

I broker più noti sul mercato

Tra i più noti non si può non partire da Plus500, probabilmente il migliore per chi si avvicini da principiante a questo mondo; noto in tutto il mondo poi, eToro, la piattaforma che ha inventato e lanciato il cosiddetto social trading, investire sui mercati in modalità social. Tra i più affidabili ci sono poi Ig, Ava Trade e Forex Tb, che si sta facendo largo ora dopo aver diviso un po’ l’opinione pubblica e generato pareri contrastanti, come si può vedere da questa recensione del broker ForexTB. In sostanza di piattaforme ce ne sono realmente tante; ciò che conta è evitare di scegliere senza prima informarsi sulla affidabilità del broker e sulle sue politiche in termini di commissioni ad esempio. Da non sottovalutare neanche la presenza di servizi correlati, come i vari tutorial, le guide, i webinar, tutti utili per la formazione; il conto demo, che invece è fondamentale per la sperimentazione senza investire soldi reali.

I passaggi per investire

Una volta scelto il broker di riferimento e controllato che non abbia pregressi negativi, si può iniziare ad investire. Ovviamente dopo essersi formati ed aver sperimentato il più possibile il nuovo strumento. Tutto quello che occorre è connettersi alla rete internet, aprire un account sul sito della piattaforma scelta, registrare un profilo e caricare i soldi richiesti. Ultimo passaggio, quello decisivo, iniziare ad immettere gli ordini ricordandosi che il mercato delle valute estere non è per tutti. A maggior ragione la scelta di un broker che tuteli i trader diventa ancor più importante per la riuscita finale. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui