Mining di Bitcoin

Il mining di bitcoin è il processo di creazione di nuovi bitcoin risolvendo problemi matematici estremamente complicati che verificano le transazioni nella valuta. Quando un bitcoin viene estratto con successo, il minatore riceve una quantità predeterminata di bitcoin. Bitcoin è una criptovaluta che ha guadagnato grande popolarità grazie alle sue oscillazioni di prezzo selvagge e al suo valore in aumento da quando è stata creata per la prima volta nel 2009. Poiché i prezzi delle criptovalute e dei Bitcoin in particolare sono saliti alle stelle negli ultimi anni, è comprensibile che sia aumentato anche l’interesse per il mining. Ma per la maggior parte delle persone, le prospettive per il mining di Bitcoin non sono buone a causa della sua natura complessa e dei costi elevati.

Ecco le basi su come funziona il mining di Bitcoin e alcuni rischi chiave di cui essere consapevoli.

Cosa c’è da capire per quel che concerne Bitcoin e le criptovalute

Bitcoin è uno dei tipi più popolari di criptovalute, che sono mezzi di scambio digitali che esistono esclusivamente online. Bitcoin funziona su una rete di computer decentralizzata o su un libro mastro distribuito che tiene traccia delle transazioni nella criptovaluta. Quando i computer sulla rete verificano ed elaborano le transazioni, vengono creati o estratti nuovi bitcoin. Questi computer in rete, o aggregatori di mining, elaborano la transazione in cambio di un pagamento in Bitcoin.

Bitcoin è alimentato dalla blockchain, che è la tecnologia che alimenta molte criptovalute. Una blockchain è un libro mastro decentralizzato di tutte le transazioni attraverso una rete. I gruppi di transazioni approvate insieme formano un blocco e vengono uniti per creare una catena. Pensalo come un lungo registro pubblico che funziona quasi come una lunga ricevuta. Il mining di bitcoin è il processo di aggiunta di un blocco alla catena. Perciò se state cercando di capire Come acquistare criptovalute è importante capire il loro funzionamento in termini pratici e di applicazione per investimenti futuri e potenziali.

Come funziona il mining di Bitcoin

Per aggiungere con successo un blocco, i minatori di Bitcoin competono per risolvere problemi matematici estremamente complessi che richiedono l’uso di computer costosi e enormi quantità di elettricità. Per completare il processo di mining, i minatori devono essere i primi ad arrivare alla risposta corretta o più vicina alla domanda. Il processo di indovinare il numero corretto (hash) è noto come prova del lavoro. I minatori indovinano l’hash di destinazione effettuando casualmente quante più ipotesi il più rapidamente possibile, il che richiede una maggiore potenza di calcolo. La difficoltà aumenta solo quando più minatori si uniscono alla rete.

L’hardware del computer richiesto è noto come circuiti integrati specifici dell’applicazione, o ASIC, e può costare fino a $ 10.000. Gli ASIC consumano enormi quantità di elettricità, il che ha suscitato critiche da parte di gruppi ambientalisti e limita la redditività di chi effettua questo tipo di procedura chiamato appunto mining. 

Partecipazioni in blocco e PayPal

Al centro di ogni protocollo di pagamento digitale c’è l’assenza di intermediari centrali (e, quindi, minori costi per imprese e consumatori). Quindi Block (SQ -2,56%) (precedentemente Square) e PayPal (PYPL -1,82%) hanno visto un’opportunità commerciale significativa nel consentire agli utenti di acquistare e detenere criptovalute all’interno di un portafoglio digitale. Alla fine del 2017, l’applicazione rivolta ai consumatori di Cash App di Block ha iniziato a consentire il trading di Bitcoin. Nel 2020 e nel 2021, Bitcoin è stato un enorme generatore di entrate per Block, sebbene la funzione di trading abbia fatto ben poco per aiutare i profitti dell’azienda.

Tuttavia, l’azienda sta contribuendo a promuovere l’uso di Bitcoin tra i suoi utenti aziendali (attraverso l’ecosistema Block) e potrebbe diventare una piattaforma di punta per le transazioni crittografiche tra le aziende e i loro clienti. Ciò è particolarmente promettente per interrompere le tradizionali transazioni internazionali in cui le banche spesso applicano elevate commissioni di cambio. Cash App ha aggiunto il supporto per la rete Bitcoin Lightning nell’aprile 2022, consentendo ai clienti di trasferire Bitcoin senza costi di transazione e molto più velocemente. Alla prossima chiamata sugli utili, il CEO Jack Dorsey ha affermato che questa funzione “aumenterà l’usabilità di Bitcoin verso una rete di trasmissione monetaria globale aperta di cui il mondo può fidarsi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.