Il governatore dello Utah, Gary Herbert, ha firmato una legge che consente l’utilizzo del plotone di esecuzione come pena capitale, in alternativa all’iniezione letale nel caso mancassero i medicinali per eseguirla. Il Penthothal, il barbiturico che serve a sedare i condannati prima dell’esecuzione non è, infatti, facilmente reperibile. Lo Utah diventa così il primo Stato degli USA ad aver ripristinato la fucilazione.

«Preferiamo usare il nostro metodo prioritario, che è quello dell‘iniezione letale nel caso di condanna alla pena di morte. Tuttavia quando una giuria prende la decisione e un giudice firma la condanna, l’attuazione di tale decisione rientra negli obblighi dell’esecutivo. Chi si oppone a questa legge si oppone principalmente alla pena capitale e questa decisione nel nostro Stato è già stata presa» ha dichiarato Marty Carpenter, il portavoce di Herbert.

Lo Utah aveva abbandonato i plotoni di esecuzione circa dieci anni fa, consentendoli solo nel caso fosse esplicitamente richiesti dai condannati. L’ultimo a essere stato sottoposto alla fucilazione è stato Ronnie Lee Gardner, 49 anni, condannato prima che il plotone d’esecuzione fosse stato abolito.

Anche lo Stato del Texas, nel quale ci sono più condannati a morte in un anno, sembrerebbe aver finito i farmaci per l’iniezione letale. Stesso discorso vale per il Wyoming, nel quale il Parlamento locale sta valutando se seguire la strada dello Utah. In Alabama, invece, è stata varata una legge che consentirà l’utilizzo della sedia elettrica, abbandonata ormai da anni, se la Corte Suprema sarà favorevole. Infine c’è l’Oklahoma, che consente già l’utilizzo della sedia elettrica e della fucilazione come metodi alternativi.

Di recente un parlamentare statale repubblicano, Mike Christian, ha lanciato la proposta dell’asfissia a base di azoto: «Non serve il medico, è più pratica ed efficiente. Respirare l’azoto porterebbe a un’ipossia indolore simile a quella dei piloti quando un aereo vola troppo in alto.»

Attualmente negli Stati Uniti gli stati in cui vige la pena di morte sono 32 e l’iniezione letale è il metodo più utilizzato con una percentuale di casi pari all’80%. In alcuni stati vengono invece impiegate l’impiccagione, le camere a gas e la sedia elettrica.

Il Paese, che millanta democrazia e si permette di “esportarla”, è secondo al mondo per esecuzioni capitali dopo la Cina e utilizza ancora metodi medioevali (impiccagione) o utilizzati nei lager nazisti ai tempi della Shoah (fucilazione e camere a gas. Come è possibile considerare la propria concezione dei diritti umani giusta se il proprio concetto di diritto alla vita non lo è?

Vincenzo Nicoletti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui