Fonte immagine: pixabay.com/

Hai mai sofferto di un’allergia prima di coricarti che ti ha impedito di dormire? L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che entro il 2050 circa la metà della popolazione mondiale soffrirà di almeno un disturbo allergico, attualmente circa il 40% delle persone ha già qualche sintomo di rinite o allergia ad un certo punto della sua vita.

Questa, senza dubbio, è una situazione sanitaria che aumenta durante la primavera con la maggiore quantità di polline che circola nell’aria, che, nella maggior parte dei casi, finisce per compromettere la qualità del nostro sonno, per effetto di tosse, gola irritata o altri sintomi che si verificano di notte. 

Come puoi immaginare, reazioni allergiche di questo tipo influenzano direttamente la facilità di addormentarsi e anche la sua qualità. Inoltre, se il problema persiste nel tempo, possono derivare problemi più gravi dalla mancanza di sonno, quali: eccessiva sonnolenza durante il giorno, stress, scarso rendimento scolastico, lavorativo e sportivo, scarsa memoria e tanto altro.

7 consigli utili per dormire bene con l’allergia

Per evitare qualsiasi tipo di problema, legato alle allergie notturne, quando si tratta di addormentarsi ti consigliamo una serie di consigli con cui potrai dormire meglio:

  1. Prima di tutto, dovresti riposare su un materasso che sia trattato e certificato come materasso igienico, antiacaro e anallergico. Scegliere il giusto dispositivo medico non è semplicissimo, ciò implica la valutazione di diversi fattori, ma online potrai trovare tanti siti che ti guideranno all’acquisto del tuo materasso.
  2. In relazione a quanto sopra, si raccomanda che anche il cuscino e la biancheria da letto siano ipoallergenici. Un’altra possibile soluzione è quella di posizionare coperture antiacaro per ottenere una maggiore protezione.
  3. Se sei allergico, è importante prestare particolare attenzione alla pulizia della camera da letto e della casa in generale, soprattutto nei luoghi dove normalmente trascorri la maggior parte del tempo e che sono a diretto contatto con il tuo corpo, come il materasso e il divano. Per fare questo pulisci frequentemente, ogni settimana, il letto, il divano, i mobili, i tappeti, ecc… in questo modo elimini facilmente la polvere ed eviti che si accumuli. Lava lenzuola, federe e coperte almeno una volta alla settimana in acqua calda a una temperatura minima di 60°C.
  4. Si consiglia di rinunciare a quei tessuti spessi che intrappolano e accumulano facilmente acari e polvere, come tende spesse e tappeti. Rimuovi gli oggetti che raccolgono polvere, come soprammobili, decorazioni per la tavola, libri e riviste.
  5. Se hai animali domestici in casa, tienili fuori dalla camera da letto. I loro peli possono causare focolai allergici a causa dell’accumulo di polvere.
  6. Nel caso in cui la persona allergica sia un bambino piccolo, è bene evitare che dorma circondato da animali di peluche o altri oggetti che possono trattenere facilmente polvere e acari. Conserva i giocattoli, i giochi e gli animali di peluche per bambini in contenitori di plastica.
  7. Anche l’odore sprigionato da prodotti per la pulizia “forti” (ammoniaca, cloro, ecc..) può causare fastidio nell’addormentarsi. Pertanto, cerca di utilizzare prodotti ecologici e/o inodori per evitare reazioni allergiche.

Consigli generali per combattere l’allergia correttamente

Prima di lasciarti, vorremmo poi consigliarti regole di buona condotta per combattere l’allergia quotidianamente. In tal senso, infatti, è importante che tu prenda cura delle reazioni del tuo corpo ogni giorno.

Se gli occhi lacrimano, starnutisci e avverti reazioni di tipo allergico, non ignorarle: mai come in questo caso ha senso controllare le reazioni del tuo corpo e riportarle nei binari della sopportabilità. Più il corpo reagisce e più esagerata sarà la risposta immunitaria a stimoli esterni.

Adesso che il caldo è ormai arrivato, poi, goditi qualche giornata di riposo al mare. L’acqua di mare ti aiuterà tantissimo a pulire la mucosa da allergeni che impediscono una respirazione corretta e a tenere il tuo naso pulito e in salute. Una sola giornata al mare influirà certamente in positivo sulla qualità del tuo sonno, aiutandoti a liberare le vie aeree.

In ogni caso, si consiglia di visitare un medico specialista in modo che possa curare la tua allergia e prescrivere i farmaci di cui hai bisogno. Oggi l’immunoterapia (comunemente e impropriamente definita “vaccino”) può portare ad una desensibilizzazione agli allergeni. Migliorata la risposta agli stimoli esterni, allora si potrà più facilmente lavorare allo sgonfiamento dei turbinati ipertrofici.

Ci auguriamo che questi suggerimenti ti aiutino a evitare i sintomi di allergia e ti aiutino a dormire meglio. 

Ricorda che godersi un sonno ristoratore è godersi una vita migliore.

Quotidiano indipendente online di ispirazione ambientalista, femminista, non-violenta, antirazzista e antifascista.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui