“Avrai sorrisi sul tuo viso come ad agosto grilli e stelle
Storie fotogra­fate dentro un album rilegato in pelle
Tuoni di aerei supersonici che fanno alzar la testa
Avrai, avrai, avrai
il tuo tempo per andar lontano
Camminerai dimenticando
Ti fermerai sognando
Avrai, avrai, avrai la stessa mia triste speranza
E sentirai di non avere amato mai abbastanza
Se amore, amore avrai…”.

Chi non conosce lo straordinario successo di Baglioni, una dedica commovente al proprio figlio che ha accompagnato generazioni e generazioni.

Proprio come la sua canzone di successo, si chiamerà Avrai la serata evento ideata e voluta da Claudio Baglioni.

Lo speciale si svolgerà eccezionalmente nell’Aula Paolo VI del Vaticano sabato 17 dicembre in occasione del duecentesimo anniversario della Gendarmeria Vaticana. RaiUno la trasmetterà in diretta a partire dalle 20.40 con la regia impeccabile di Duccio Forzano. Un concerto impreziosito dalla partecipazione straordinaria di grandi artisti e dall’esibizione di Baglioni con il coro Giuseppe Verdi di Roma formato da oltre sessanta elementi. Un evento solidale che si propone di centrare due importanti obiet­tivi.

Il primo è teso a sostenere un programma a favore dell’ospedale di Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana flagellata da anni di guerra civile che solo dopo la visita di Papa Bergoglio è riuscita a raggiungere una pace che si prospetta duratura. Gli aiuti saranno destinati alla formazio­ne di medici, alla scuola di specializzazione in pediatria e alla costruzione dei padiglioni dove inserire posti letto, attrezzature di laboratorio e servizi sanitari d’accoglienza ai bimbi malati. Sarà fondamentale dotare la struttura di autonomia elettrica, rifornire e arricchire il deposito farmaceutico, acquistare un ecografo, prevedere una sala parto.

L’altro progetto riguarda invece l’Italia, ovvero la realizzazione di un’intera struttura destinata ai bambini di una delle aree del Centro Italia colpite dal sisma del 24 agosto scorso.

L’iniziativa sarà supportata dal numero solidale 45523 attivo dal 1 fino al 21 dicembre per una raccolta di fondi che si aggiungerà all’incasso della serata.

Il ricavato, equamente suddiviso fra i due progetti, sarà devoluto alla Fondazione San Giovanni XXIII e i tempi di realizzazione sono previsti nell’arco dei prossimi ventiquattro mesi.

Enrica Leone

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl governo fotocopia di Gentiloni: «Nemico dei cittadini onesti»
Articolo successivoDipendenti Tim in sciopero, corteo blocca la città
Mi chiamo Enrica Leone, sono nata a Lecco. Diplomata con maturità scientifica, ho intrapreso la carriera universitaria presso la facoltà di Giurisprudenza. Entusiasmo, iniziativa e dinamismo mi hanno da sempre spinto ad andare avanti nel lavoro così come nello studio. Adoro scrivere e questa passione mi ha portata ad intraprendere avventure di ogni genere per poter portare a casa interviste ed acquisire il giusto grado di esperienza, per rendere i miei articoli ancora più miei. Una passione che mi ha portata a pubblicare pochi mesi fa il mio primo romanzo: Basta avere coraggio, presso la casa editrice Arduino Sacco Editore. Non smetto mai di rincorrere i miei sogni ed il più delle volte questi diventano i miei obiettivi che cerco in tutti i modo di raggiungere. Alla scrittura, da poco tempo ho affiancato il lavoro di organizzatrice di eventi di beneficenza ed assistenza alla comunicazione. Mi piace il contatto con il pubblico. A detta di chi collabora con me, sono una persona estremamente precisa, metodica e puntuale. Attenta affinchè il compito affidatomi possa venir portato a termine nel miglior modo possibile e nel tempo necessario. Amo il cinema, la televisione (quella di qualità) e tutto ciò che ha a che fare con lo spettacolo ed è questo ciò di cui mi occupo.