Un settore in grande espansione che continua a crescere tra criticità e opportunità. Un mercato che viene considerato il più grande in termini di dimensioni a livello mondiale, dato che il volume complessivo delle transazioni di valute è di gran lunga superiore a quello di qualunque altro mercato finanziario.

Benvenuti nel mondo del Forex, di cui tanto si parla in rete nel bene o nel male. D’altra parte è proprio il web il terreno di proliferazione di questo strumento, che un tempo esisteva soltanto per gli addetti ai lavori.

Oggi la realtà è stata decisamente sovvertita, e anche i profani si avvicinano a tale tipologia di investimento, spinti anche dalla semplicità di accesso: non è richiesta alcuna acrobazia fisica per entrare nel mondo del Forex. Basta registrarsi ad una piattaforma online, di quelle ampiamente pubblicizzate in rete che offrono servizi di intermediazione, per iniziare a investire.

Arrivati fin qui il punto successivo è capire da un punto di vista tecnico come funziona il trading sul Forex. Per investire si deve quantomeno conoscere il mercato delle valute e, soprattutto, essere in grado di interpretare un grafico di andamento. Nel caso del Forex i grafici mostrano in tempo reale la quotazione di coppie di valute: e questo è il punto da tenere a mente, la vera essenza del Forex. Si ragiona sempre in termini di coppia di valute, mai su una singolarmente. Quindi se ad esempio si sta tenendo sott’occhio la coppia euro/dollaro, si dovrà andare ad acquistare una valuta vendendo, al contempo, l’altra. L’investimento è esattamente questo: vendere una valuta in cambio di un’altra cercando di guadagnare da questo scambio.

Per farlo ovviamente si deve essere in grado di percepire in anticipo quello che potrebbe accadere sui mercati; se si ha l’impressione, surrogata da evidenze tecniche e studi approfonditi, che il dollaro stia per diminuire di valore, quello dovrebbe essere il momento adatto per venderlo andando, al contempo, ad acquistare un’altra valuta.

Tutto ciò è possibile oggi, come dicevamo prima, anche in modalità fai-da-te, senza quindi doversi rivolgere a intermediari di alcun genere. Il tutto grazie proprio alle piattaforme online, broker della rete, cui si faceva riferimento. Semplici piattaforme o portali internet sui quali un utente deve andare ad aprire un profilo personale con relativo conto, così da poter iniziare ad operare sui mercati.

Iniziare è semplice, come si può vedere; non altrettanto facile è riuscire a guadagnare. Altro aspetto del Forex da tenere sempre ben a mente.

Greenpeace

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui