Elena Ferrante, La vita bugiarda degli adulti. Netflix Italia

Elena Ferrante su Netflix è un’ulteriore svolta all’interno della sua brillante carriera che consta di romanzi tradotti in 45 lingue in tutto il mondo. La scrittrice napoletana (il settimanale Time nel 2016 l’ha inserita tra le 100 persone più influenti al mondo), in seguito al grande successo della trasposizione de L’Amica Geniale, prodotta da HBO e Fandango e trasmessa in prima serata su Rai 1, sceneggia la trasposizione del suo nuovo romanzo: La vita bugiarda degli adulti, uscito per Edizioni E/O in Italia il 7 novembre scorso, sarà pubblicato in 25 paesi nel mondo a settembre. La serie televisiva, di ignota distribuzione, è prodotta dal connubio Netflix -Fandango: Elena Ferrante con la sua Napoli si prepara ad entrare in una dimensione globale.

La trama del romanzo di Elena Ferrante

Elena Ferrante su Netflix.
La vita bugiarda degli adulti fonte: Netflix Italia

«Due anni prima di andarsene di casa mio padre disse a mia madre che ero molto brutta. La frase fu pronunciata sottovoce, nell’appartamento che, appena sposati, i miei genitori avevano acquistato al Rione Alto, in cima a San Giacomo dei Capri. Tutto – gli spazi di Napoli, la luce blu di un febbraio gelido, quelle parole – è rimasto fermo. Io invece sono scivolata via e continuo a scivolare anche adesso, dentro queste righe che vogliono darmi una storia mentre in effetti non sono niente, niente di mio, niente che sia davvero cominciato o sia davvero arrivato a compimento: solo un garbuglio che nessuno, nemmeno chi in questo momento sta scrivendo, sa se contiene il filo giusto di un racconto o è soltanto un dolore arruffato, senza redenzione»

Tale è l’incipit del libro di Elena Ferrante, ma sono anche le parole recitate durante il trailer di Netflixda una voce (della cantante Emma Marrone, grandissima fan di Elena Ferrante) seguita da immagini confuse i cui elementi, paesaggi, volti sono definiti da parole che scorrono veloci. La serie televisiva, così come il libro, dovrebbe narrare della giovane Giovanna, figlia di due insegnanti intellettualmente impegnati nel partito comunista, appartamento nel Rione alto, ipoteticamente isolati dalla Napoli più popolana. Proprio giù oltre il Vomero si nasconde l’identità reale di una parente “malvagia” mai conosciuta: la sorella del padre di Giovanna, zia Vittoria. La vita bugiarda degli adulti di Elena Ferrante è il racconto del passaggio dall’infanzia all’adolescenza della protagonista, sullo sfondo di due Napoli così adiacenti, ma distanti. Una distanza che in realtà è solo apparente, data la mescolanza continua della realtà partenopea. Sul mondo letterario di Elena Ferrante, Domenico Procacci, fondatore di Fandango afferma: «Siamo molto felici di continuare a raccontare il mondo di Elena Ferrante. La vita bugiarda degli adulti, edito dagli amici di E/O, narra un’altra parte di quel mondo, vicina ma diversa. Sarà una bella avventura e siamo contenti di affrontarla con Netflix, con cui abbiamo ormai un rapporto forte e consolidato». Entusiasmo condiviso anche da Felipe Tewes attualmente Direttore di produzione degli originali internazionali Netflix per il territorio europeo ed africano:«I romanzi di Elena Ferrante hanno ispirato e affascinato lettori in Italia e nel mondo. Per questo motivo siamo felici di portare la sua ultima opera sugli schermi del nostro pubblico globale». In attesa dell’uscita, ci si domanda: La vita bugiarda degli adulti sarà la consacrazione definitiva o svilimento di un mito?

Luca Longo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui