“È cosa nota e universalmente riconosciuta che uno scapolo in possesso di un solido patrimonio debba essere in cerca di moglie. E benché poco sia dato sapere delle vere inclinazioni e dei proponimenti di chi per la prima volta venga a trovarsi in un ambiente sconosciuto, accade tuttavia che tale convinzione sia così saldamente radicata nelle menti dei suoi nuovi vicini da indurli a considerarlo fin da quel momento legittimo appannaggio dell’una o dell’altra delle loro figlie.”

Riconosciamo subito il famoso incipit di Orgoglio e Pregiudizio, scolpito nella nostra memoria come le tabelline e riconducibile a quella letteratura leggera e romantica che fa capo alla regina di questo genere: Jane Austen.

 

MarciaFox-portrait-WilliamBeechey
Ritratto di Jane Austen

 

I romanzi della Austen sono oramai entrati a far parte della categoria dei classici della letteratura mondiale ed è raro trovare qualcuno che non ne abbia letto uno, o che non ne abbia quantomeno sentito parlare. Da Ragione e Sentimento al già citato Orgoglio e Pregiudizio, da Emma a Persuasione, la scrittrice britannica analizza i rapporti interpersonali e le storie d’amore e d’amicizia che ne conseguono. Le vicende, sempre a lieto fine, trasportano il lettore in un labirinto di passioni e di intrighi, di sentimenti meschini come l’orgoglio ma anche nelle ingenuità giovanili, e lo accompagnano nella crescita e nell’evoluzione interiore dei protagonisti fino a farci affezionare a loro.

E’ impossibile, infatti, non amare Elizabeth Bennet e il cupo Mr. Darcy. Durante la lettura di Orgoglio e Pregiudizio tifiamo per questa coppia, esultiamo quando lui le rileva i suoi sentimenti, ci arrabbiamo quando lei lo rifiuta e riusciamo a calmarci soltanto quando alla fine i nostri desideri vengono esauditi.

 

pride_and_prejudice12
Il volume inglese di “Orgoglio e Pregiudizio”

Stessa cosa accade per la storia della dolcissima Emma:

“Emma Woodhouse, bella, intelligente e ricca, con una casa confortevole e un carattere allegro, sembrava riunire in sé il meglio che la vita può offrire, e aveva quasi raggiunto i ventun anni senza subire alcun dolore o grave dispiacere.”

Decidiamo che lei e Mr. Knightley devono stare insieme e la Austen non rovina i nostri piani, regalandoci vere emozioni. E pensare che, di questo incredibile romanzo, la scrittrice scrisse “Sto per descrivere un’eroina che non potrà piacere a nessuno, fuorché a me stessa”. Emma è la prima protagonista che non nasce povera e che non si affanna nella ricerca di un marito come succede invece in tutta la prima parte di Orgoglio e Pregiudizio in cui la signora Bennet, madre della protagonista, di figlie da maritare ne ha addirittura cinque!

 

Emma-jane-austen-16523646-600-400
Gwyneth Paltrow nel film “Emma” (1996)

 

I grandi protagonisti presentati sotto forma umana restano comunque i sentimenti: l’orgoglio di non ammettere il proprio amore e i pregiudizi che cercano di fuorviare Elizabeth Bennet nel giudizio sul misterioso Mr. Darcy, la viziata Emma,  la strada della ragione di Elinor e quella del cuore seguita dalla sorella Marianne in Ragione e Sentimento, primo romanzo della Austen, pubblicato nel 1811.

SenseAndSensibilityTitlePage
Il volume inglese di “Ragione e Sentimento”

Le opere di questa scrittrice sono tutt’oggi fonte di grande ispirazione per lavori cinematografici e romanzi inediti: esistono molti film sui protagonisti delle sue storie e sulla vita di Jane Austen stessa (Becoming Jane – Il ritratto di una donna contro del 2007).  A Chawton è possibile visitare la sua casa adibita a museo: il Jane Austen’s House Museum”

Nell’anniversario della sua nascita, avvenuta il 16 dicembre del 1775, è bene ricordarla e rileggerne qualcosa, respirando un po’ di aria britannica fatta di cottage ottocenteschi e  storie d’amore immortali.

Maria Pisani

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.