Vestirsi battesimo

Come vestirsi a un battesimo? Una domanda che pone sempre dubbi e interrogativi, e che può mettere in crisi quando ci si trova a doverla fronteggiare. Questo tipo di cerimonia impone la necessità di abbigliarsi in maniera adeguata, senza tuttavia esagerare.
La parola d’ordine è quindi sobrietà, anche per rispetto della location presso la quale la cerimonia si tiene; che, a meno di scelte particolari, sarà una chiesa. Puntare su un abito elegante ma senza eccessivi slanci è più che mai consigliato.
Tale scelta è dettata a monte da un altro fattore: il proprio ruolo all’interno del cerimoniale. Qualora si tratti di semplice invitato, non legato da parentela con il festeggiato, si può optare per un abbigliamento elegante, ma non eccessivo. Ad esempio si potrebbe puntare su un completo spezzato, gonna o pantalone, in modo da non attirare troppo l’attenzione.
Viceversa, se si è direttamente interessati, come nel caso dei genitori del bimbo, della madrina e del padrino, si può sfoggiare un abito più elegante ed una acconciatura ad hoc. Vediamo qualche consiglio aiutandoci con quanto scritto in materia dal sito Nonsolozapatero.it.

Su quali colori puntare

Primo fattore da prendere in considerazione è il colore. Trattandosi di un evento gioioso l’accorgimento in tal senso è quello di evitare, per quanto possibile, toni scuri. Inoltre è da tenere in conto il periodo in cui viene a cadere l’evento.
Nel caso in cui il battesimo abbia luogo nei mesi freddi, in autunno o inverno, si può puntare ad un abbinamento tra colori scuri, ma diversi dal nero, e tinte in grado di spezzare l’impatto visivo. Non il bianco però, ma anche il celeste o il rosa. In qualsiasi caso sono da evitare il total black, assolutamente non indicato per un battesimo, e il bianco, per motivi scaramantici.
Non si pensi che il colore del vestito non abbia importanza: esso è fondamentale e non solo per motivi scaramantici. In Francia, ad esempio, è visto con molto fastidio il rosso nei battesimi, in quanto considerato un tempo il colore riservato, per il giorno delle nozze dei re di Francia, alle loro diverse amanti.

Evento formale o informale?

Per evitare figuracce si può anche provare a chiedere quale sia la location della cerimonia. Non è raro il caso in cui la famiglia del festeggiato decida di sceglierne una abbastanza insolita. In questo caso, occorre anche capire se l’evento sia formale o meno.
Se ad esempio l’avviso arriva tramite telefonata o posta elettronica, con ogni probabilità si tratta di un battesimo informale. Saperlo prima può aiutare non poco ad evitare l’intervento con un abbigliamento non adatto al contesto.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here