Guido Maria Grillo core
Fonte immagine : https://www.recensito.net/musica/guido-maria-grillo-senso.html

Dopo il primo successo grazie a “Senso”, album discografico del 2019, il 19 marzo Guido Maria Grillo ha pubblicato il suo secondo singolo “A chi tene o core” sulle più note piattaforme di streaming digitale ed anticipa l’uscita dell’Ep di marzo.

Il cantautore Guido Maria Grillo ha origini campane (è discendente di Totò) ma è apolide. Le sue radici sono ben evidenti nei pezzi musicali da lui composti: riesce infatti a contaminare la canzone napoletana classica miscelando i suoi caratteristici tratti mediterranei a un nuovo carattere contemporaneo che la spingono ai suoi limiti, fino a tramutarla nell’universale pop.
Questi due stili musicali molto forti che vanno a congiungersi sono il segnale di un ricercato multiculturalismo da parte di Guido Maria Grillo, che con la sua musica va a creare un importante punto di congiunzione tra la tradizione dell’Europa del Sud e il Medio – Oriente.

Nato a Salerno, Guido Maria Grillo è cresciuto nel prolifico ambiente della famiglia De Curtis, tappezzata dai quadri dello zio pittore e luogo in cui echeggiava l’Opera intonata dal nonno, tenore e violinista, e da un altro zio, grande esperto di Giacomo Puccini. Durante l’adolescenza, si è svezzato musicalmente lasciandosi ispirare da Tenco, Jeff Buckley, dalla grande canzone napoletana e da Fabrizio De Andrè, a cui ha dedicato la sua tesi di laurea in Filosofia.

“A chi tene o core” è il nuovo prodotto musicale di Guido Maria Grillo, accompagnato da un videoclip realizzato a Riace. Nasce come un’esortazione, un inno motivazionale per affrontare tutte le negatività che quest’ultimo anno ha portato con sé. Il suo significato più intimo “chi non ha cuore vive senza vita e muore senza nome” è un modo per spingere tutti alla rinascita, a una presa di coscienza del proprio valore e della propria individualità che, consapevole e viva, deve lottare per una resistenza personale e collettiva.

Ad oggi, come musicista, cantautore e autore per il teatro Guido Maria Grillo ha pubblicato 3 album, un Ep e un singolo (Startup/Warner Music). Ha aperto concerti di Rufus Wainwright, Anna Calvi, Avion Travel, Marlene Kuntz, Musica Nuda, Paolo Jannacci, Niccolò Fabi, Levante ed altri. Nel 2011 è stato ospite al Premio Tenco, al Teatro Ariston di Sanremo, per la presentazione della compilation “Come fiori in mare”. Tra il 2013 ed il 2016 è stato in tour con Cristiano Godano (Marlene Kuntz), Paolo Benvegnù e gianCarlo Onorato, con il progetto “EX-semi di musica vivifica). Nel 2016 con Levante, ha realizzato un clip live di “Salsedine”. È vincitore del Premio Bruno Lauzi 2017.

Anche come attore, Guido Maria Grillo ha dimostrato di avere “core”, debuttando nel 2008 al Parma Poesia Festival in “ME-DEA della sua grazia”, spettacolo di teatro contemporaneo da lui scritto, in scena con l’attrice Francesca De Angelis. Nel 2015 ha debuttato, al Piccolo Auditorium di Cagliari, “La Maledizione dei puri – Se Pasolini e De Andre”, spettacolo di e con Francesca Falchi e Guido Maria Grillo, prodotto da Origamundi Teatro/L’eccezione.

Alessia Sicuro

Laureata in lettere moderne, ha in seguito ha conseguito una laurea magistrale alla facoltà di filologia moderna dell'università Federico II. Ha sempre voluto avere una visione a 360 gradi di tutte le cose: accortasi che la gente preferisce bendarsi invece di scoprire e affrontare questa società, brama ancora di tappezzare il mondo coi propri sogni nel cassetto. Vorrebbe indossare scarpe di cemento per non volar sempre con la fantasia, rintagliarsi le sue ali di carta per dimostrare, un giorno, che questa gioventù vale!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui