testamento, Rutebeuf, Villon

Così come ogni tipologia e ogni genere letterario è stato oggetto di derisione e di parodie, anche il testamento è diventato nei secoli fonte e spunto di satira e di divertimento, a partire dall’età tardo antica fino ai giorni nostri. Nel lungo Medioevo, i maggiori esponenti del genere del testamento burlesco furono Rutebeuf e François Villon.

Il testamento burlesco nel Medioevo

Il testamento parodico o burlesco è una tipologia letteraria in cui il testante può essere incarnato da un uomo o da un animale che sul punto di morte, dopo aver subito una condanna o un processo, emana le proprie ultime volontà. Il testamento burlesco è una satira alla canonica disposizione testamentaria che solitamente era impiegata da ceti nobiliari e illustri: ovviamente si tratta di un genere tipicamente popolare che tende a parodiare non solo i contenuti dei testamenti, ma anche le forme, il lessico e la retorica.

Nel testamento burlesco medievale vengono svelati gli ideali materiali e le voglie corporee del testante che andavano contro l’etica e la morale cattolica vigente in quegli anni bui e confusi: non mancano riferimenti sessuali che vanno oltre ogni retorica del sentimento, carichi di violenza espressiva e di critica pungente nei riguardi delle istituzioni ecclesiastiche.

Rutebeuf, il menestrello della miseria

Nel Medioevo, oltre ai grandi poeti di cui abbiamo grandi testimonianze, emersero strambe figure tra cui i menestrelli e i giullari. Nella Parigi del XIII secolo emerse il menestrello Rutebeuf che si differenziava da tutti gli altri per la sua concezione di modernità e per il suo strepitoso talento.

Nella vastissima produzione del menestrello emergono alcune opere che contengono una vera e propria parodia del testamento. Una di queste è “Le Testament de l’asne”, un fabliaux in cui si narra la storia di come un vescovo di condotta onesta punisca un prete corrotto e disonesto che ha come unico scopo di vita quello di arricchirsi personalmente traendo guadagno dalla propria parrocchia.

Il testamento si apre con una riflessione sugli uomini invidiosi: chi bada ad arricchirsi non può, dal punto meramente cristiano, essere considerato un esempio da seguire. La parodia del testamento di Rutebeuf risiede tutta nella retorica usata dal menestrello: mettere alla berlina il comportamento di uomini che si proclamano sinceri e leali e soprattutto non propensi alla corruzione, ma in realtà di fronte alla concretezza materiale del denaro non stentano a prendere soldi.

Il tema del testamento burlesco serve a Rutebeuf a porre l’accento sulla corruzione che caratterizzava la curia dei suoi tempi: ne viene fuori una chiesa avara e corrotta con l’unico scopo di arricchirsi e di considerare importanti i beni materiali.

Tra i poemi della disgrazia del menestrello, tra i più famosi è da ricordare “Le complainte Rutebeuf”: narrando le tristi sventure che lo perseguitano da tutta una vita (come ad esempio l’aver sposato una donna brutta e priva di fascino, i debiti, la perdita di un occhio e l’abbandono di tutti i suoi amici), Rutebeuf compiange se stesso ed è consapevole del fatto che tutte queste sventure siano l’eredità delle cattiverie e dei misfatti compiuti in precedenza. Ma la parodia risiede tutta negli ultimi versi: ai suoi amici che lo hanno abbandonato lascia in eredità le fogne, simbolo di bassezza e di degrado.

Il Lais e il Testament di François Villon

Nella Parigi del 1431 nacque François Villon, autore poliedrico e noto per due opere che rientrano nella tipologia del testamento burlesco: il “Lais” e il “Testament”.

Il “Lais”, o anche “Petit testament”, è una parodia in chiave goliardica del codice cortese in cui il poeta, fingendo di dover lasciare Parigi a causa di una delusione d’amore, utilizza lo stratagemma metaletterario del testamento che viene lasciato ad amici e parenti per mostrare le proprie qualità stilistiche. Il “Lais” ha tutti gli elementi per risultare una parodia della canonica disposizione testamentaria: basti pensare che Villon lascia in eredità la sua reputazione, il suo cuore misero, morto e ghiacciato, le sue brache, i guanti, un cappone e un’oca grassa.

In questo piccolo testamento burlesco, François Villon dona davvero tutto ciò che possiede: lo fa con tono satirico, critico, divertente e perfettamente il linea con il suo essere, alternando toni alti a toni bassi e talvolta osceni.

Nel “Testament”, Villon non fa altro che predisporre la propria sepoltura prima di lasciare il mondo terreno: la forma dell’opera è insieme morale e burlesca, artificiosa e autentica e il lettore cerca invano il limite tra verità e finzione. François Villon si contraddice, si mostra e si maschera, medita e insulta, sconvolge con riso e con parodia un mondo che gli pare assurdo. Il suo è un atteggiamento patetico e provocatorio allo stesso tempo e obbliga il lettore a cercare con lui quella verità che li accomuna.

L’opera viene concepita da Villon come un vero e proprio lascito testamentario, come una donazione della parola: a coglierne la bellezza e questa peculiarità è il “trovatore genovese” Fabrizio De Andrè che nella sua canzone dal titolo “Testamento” ricalca la straordinarietà dell’opera villoniana.

Arianna Spezzaferro

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here