Napoli Carnevale
Fonte immagine di copertina: http://www.artemagazine.it/old/arte-classica-e-moderna/101337/vienna-e-cracovia-in-guerra-per-dipinto-di-bruegel/

Le origini delle tradizioni legate al Carnevale sono, a Napoli e in ogni altro luogo, intrise del proprio valore cristiano ma strettamente connesse all’antico substrato pagano greco-romano. Nello specifico si parla della venuta del solstizio invernale in onore di Saturno, dio dell’agricoltura, cerimonia che era vissuta con esaltazione, danze, maschere, abbandono o rovesciamento degli obblighi sociali e riti dionisiaci.

Il Carnevale a Napoli ha inizio il 17 gennaio, il giorno della festa di Sant’Antuono, e termina il Martedì Grasso giorno in cui, dopo una prima purificazione col fuoco e l’inizio della Quaresima, si può ricominciare a mangiare qualsivoglia prelibatezza.

La prima documentazione del Carnevale (col suo carattere prettamente cristiano) risale al XVI secolo ed era appannaggio solo dei ceti più alti che erano soliti organizzare ricchi balli in maschera che con il tempo assunsero sempre di più le sembianze di vere sfilate in cui a regnare era lo sfarzo e la vanità.

A questo periodo storico risale anche una delle più caratteristiche cerimonie carnascialesche partenopee. In linea con tutta la simbologia legata al passaggio del vecchio al nuovo, il voler esorcizzare la malattia, la morte e la precarietà e quel senso dell’orrido baroccheggiante tipico del popolo di Napoli, si ricorda la non convenzionale tradizione della Morte di Carnevale celebrato il martedì che precede l’inizio della Quaresima. Si tratta di una effettiva mise en scene teatralizzante, durante la quale tutti sono chiamati a partecipare fungendo da corteo funebre. Carnevale viene personificato da un fantoccio di paglia dagli abiti sgargianti donati dai cittadini, è sdraiato supino su di un carro trainato a mano da un uomo (o come seconda opzione da un asinello) e addobbato dai cibi più svariati, simbolo di abbondanza e di speranza per il futuro. La processione è accompagnata, come ogni funerale che si rispetti, da canti e lamenti per il defunto, ma coloro che la alimentano invece di piangere e di disperarsi sono solitamente intenti a mangiare o bere vino.

Il fantoccio Carnevale non è altro che il simbolo di tutte le negatività e delle sciagure e in tali vesti va condannato, come se si tenesse un reale processo giuridico a cui segue l’esecuzione della morte in pubblico. Carnevale in vita ha però anche goduto di tutte le bellezze terrene e di queste gioie è composto il suo testamento che lascia ai posteri cioè i cittadini di Napoli.

Nella zona amalfitana, la stessa tradizione è stata trasposta con delle modalità leggermente diverse. A morire non è Carnevale in persona, ma Tatillo (termine dialettale per “nonno”, “persona anziana”), un uomo volontario vestito in nero con bombetta e bastone, trasportato su un carro coperto da un lenzuolo e circondato da lasagne e salsicce. Segue la processione Quaresima, interpretata da un uomo grosso vestito da donna, rimasta vedova e incita che, in ricordo delle greche prefiche, si dimena e si strappa i capelli per la disperazione. Il popolo segue il carro per poi e giunti a destinazione, il feretro si trasforma in una tavola imbandita per cominciare l’ultimo pasto di Carnevale.

Alessia Sicuro

Condividi
Articolo precedenteMusicomio: «La procrastinazione nuoce alle relazioni»
Articolo successivoEtichette personalizzate: come si rafforza un brand
Avatar
Laureata in lettere moderne e laureanda alla facoltà di filologia moderna dell'università Federico II, ha sempre voluto avere una visione a 360 gradi di tutte le cose. Accortasi che la gente preferisce bendarsi invece di scoprire ed affrontare questa società, brama ancora di tappezzare il mondo coi propri sogni nel cassetto. Divora libri, vecchie storie, vorrebbe guardar il futuro con degli occhiali magici per riportar solo belle notizie alla gente disillusa. Vorrebbe indossare scarpe di cemento per non volar sempre con la fantasia, rintagliarsi le sue ali di carta per dimostrare, un giorno, che questa gioventù vale! Vorrebbe esser stata più concreta fin dall’inizio, essere interessata ai soldi come tutta la gente normale e non sentirsi in pace col cosmo solo perché sta inforcando una penna. Si, vorrebbe, ma bisogna sempre svegliarsi.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here