Costi energetici

Le imprese italiane e del mondo sono in forte sofferenza da tempo. Lo scoppio della pandemia, che ha causato prolungati lockdown, aveva già messo a dura prova la resistenza di diverse attività, ma dalla fine del 2020 i costi energetici alle stelle stanno incidendo in maniera massiccia sulla stabilità economica di numerose imprese. Come se non bastasse, l’inizio della guerra sta aprendo scenari ancor più incerti, con l’aumento spropositato del costo della benzina e i problemi di approvvigionamento per materie prime come grano e olio di semi di girasole.
Secondo le stime di Confartigianato, nel 2022 i costi energetici per le industrie saranno di 37 miliardi, contro gli 8 miliardi del 2019. Una cifra spaventosa che sottolinea quanto sia necessario fare una valutazione concreta di cosa rischiano le aziende e come rimediare. Il presidente del consiglio Mario Draghi prepara gli italiani a una possibile economia di guerra, anche se per il momento la esclude e punta a investimenti mirati per rendere le imprese più autonome dal punto di vista energetico.
In questo approfondimento valuteremo quali sono i rischi per le aziende e come rimediare per ridurre l’impatto del caro gas ed elettricità e l’aumento delle materie prime provenienti da Russia e Ucraina.

Cosa rischiano le aziende

L’aumento dell’energia ha delle ricadute a cascata su diverse filiere produttive. Bisogna inoltre tenere conto che i costi incidono anche sul potere d’acquisto delle famiglie, che quindi limiteranno alcune spese non essenziali, mettendo quindi a rischio il mercato di diversi settori.
L’aumento dell’energia colpirà tutti i settori energivori, come la metallurgia, il commercio, vari servizi e tutta la filiera ricettiva. E il rischio è una sospensione delle attività e di un’alternanza delle aperture o dei turni di lavoro. Ciò potrebbe comportare un blocco della crescita economica del paese e la perdita di posti di lavoro. Secondo il Centro Studi di Confindustria, inoltre, solo il 4% delle aziende, vessate da così tanti aumenti dei costi di produzione, investirà in tecnologie per migliorare la sua efficienza, perché la situazione è troppo incerta e si preferisce avere un minimo di liquidità interna.
Secondo le stime, l’aumento dell’elettricità e del gas inciderà per circa il 25% sui costi di produzione e si dovrà sperare in un equilibrio sui mercati a breve termine per riuscire a sfruttare la ripresa.

Come rimediare agli aumenti energetici

Per rimediare agli aumenti energetici ci sono diverse soluzioni, che devono però attivarsi in maniera coordinata per essere efficaci: un intervento forte del Governo, un’organizzazione interna eccellente e di intuizioni manageriali. Lo Stato, di concerto con l’Unione Europea, sta valutando sostegni interni sulle bollette grazie a sconti sui costi di trasporto e di gestione. Ha poi stanziato 1 miliardo all’anno per favorire prestiti ad aziende in difficoltà e sta promuovendo sgravi fiscali e fondi per rendere le aziende sempre più autonome a livello energetico. Per quanto riguarda l’organizzazione interna, è importante considerare i diversi aspetti del controllo di gestione per dotare ogni azienda di software in grado di fornire dati in maniera veloce sui costi di produzione e la valutazione delle performance, con l’obiettivo di ottimizzare il lavoro e di ridurre l’impatto dei costi energetici. Bisogna infine considerare che l’Italia sta beneficiando del rimbalzo economico post-pandemia, con un’impennata di domande da più fronti a livello globale. Nell’attesa che i prezzi si ridimensionino, è fondamentale per i manager trovare nuovi asset di investimento, puntando in maniera strategica a ciò che l’utenza richiede e aggiornandosi sulle sfide del futuro.

Quotidiano indipendente online di ispirazione ambientalista, femminista, non-violenta, antirazzista e antifascista.

1 commento

  1. Beh, non c’è da stupirsi che tu abbia visto cosa sta succedendo nel mondo? C’era da aspettarselo. In generale, dopo di ciò mi sono reso conto che molte persone ora saranno coinvolte in furti perché la terribile disoccupazione è ora. Ma affinché nessuno mi derubasse, ho deciso di rivolgermi ad ajax perché so che questo allarme mi aiuterà se vogliono derubarmi, e inoltre, infatti, questo sistema aiuta se le luci sono spente, servirà da una fonte di luce per te da tempo come contiene questa energia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui