diagnosi ADHD

Contrariamente a quanto comunemente creduto, il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività non è una condizione che riguarda esclusivamente l’infanzia. La crescente consapevolezza sta sfatando il mito che si tratti di un disturbo collegato solamente ai bambini e che, pertanto, viene superato in toto quando si raggiunge la maturità.

Sempre più ricerche evidenziano come possa persistere o essere diagnosticato per la prima volta durante l’adolescenza o in età adulta, portando a un significativo aumento delle diagnosi ADHD in queste fasce d’età.

Cos’è l’ADHD

L’ADHD è un disturbo neuro-comportamentale caratterizzato da difficoltà nella regolazione dell’attenzione, iperattività e impulsività.

Spesso diagnosticato nell’infanzia, è stato tradizionalmente considerato una condizione che colpisce principalmente i bambini ma recenti studi e discussioni nel campo della psichiatria e della psicologia hanno evidenziato che non scompare necessariamente con l’età, ma può persistere o addirittura essere diagnosticato per la prima volta da adulti.

Sintomi che conducono alla diagnosi

I sintomi dell’ADHD negli adulti variano notevolmente e spesso si manifestano in modo diverso rispetto ai bambini.

I più comuni includono difficoltà a concentrarsi, a completare compiti, disorganizzazione, problemi nella gestione del tempo, e una tendenza a procrastinare.

Molte persone già maggiorenni sperimentano difficoltà nelle relazioni interpersonali e una sensazione costante di sottovalutazione delle proprie capacità. Una maggiore consapevolezza di queste caratteristiche sta conducendo ad un numero più alto di diagnosi che prima non venivano eseguite.

Adulti ADHD: come affrontare la quotidianità

La diagnosi di ADHD in età adulta può essere un momento di svolta significativo. Per molti, offre una spiegazione a lungo cercata per le sfide incontrate nel corso della crescita.

Fortunatamente, esistono molteplici strategie e risorse disponibili che aiutano a gestire i sintomi e migliorare la qualità della vita.

Possiamo parlare di terapie comportamentali, supporto psicologico, e talvolta trattamenti farmacologici. A tutto ciò si aggiungono la creazione di routine quotidiane, l’utilizzo di strumenti di organizzazione e la ricerca di sistemi di supporto che si rivelano essere di grande aiuto.

La crescente consapevolezza sta contribuendo a sfatare il mito che si tratti esclusivamente di una condizione infantile; con una diagnosi accurata e un approccio olistico al trattamento e al supporto, gli adulti con ADHD possono non solo affrontare le sfide legate al disturbo, ma anche sfruttare i punti di forza unici che spesso accompagnano questa condizione, come la creatività, la capacità di pensare fuori dagli schemi e l’energia dinamica.

Le difficoltà quotidiane

La quotidianità, che per molti è pura routine, può diventare un ostacolo dal punto di vista personale, professionale, sociale e relazionale per soggetti ADHD.

In ambito lavorativo, è particolarmente impegnativo rimanere concentrati su compiti monotoni o che richiedono un’attenzione prolungata.

Dall’esterno può essere percepita inefficienza e una scarsa valutazione delle prestazioni, nonostante il potenziale elevato che caratterizza questi soggetti.

La disorganizzazione e la difficoltà nel rispettare le scadenze complicano ulteriormente la situazione, influenzando negativamente la carriera e l’autostima.

Sul fronte personale e sociale, l’impulsività e le difficoltà di regolazione emotiva portano a conflitti o malintesi con amici e partner mentre la tendenza a dimenticare impegni o a procrastinare viene erroneamente interpretata come mancanza di interesse o di affidabilità.

Persino sul piano finanziario le cose non sono più facili: la gestione monetaria richiede maggiore organizzazione e controllo degli impulsi, così da imparare a gestire il budget con successo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.