Socialdemocrazia, ambientalismo democratico
Fonte immagine: Ambientalismo Democratico

La socialdemocrazia è un insieme di poteri che permettono di gestire la società: potere economico, potere giudiziario, potere comunicativo, potere legislativo, etc.; scopo della socialdemocrazia è gestire nella maniera migliore questi poteri per garantire sicurezza, rappresentanza, benessere e libertà ad ogni cittadino. Lo scopo dell’ambientalismo democratico è gestire questi poteri per far vivere bene ogni cittadino, ma anche ogni macchina, ogni animale, ogni pianta e ogni ecosistema.

Ecco alcuni esempi:

1) La Foresta Amazzonica sta scomparendo a causa delle attività antropogeniche utili a fornire materie prime al genere umano. Chi subisce tale disastro sono animali, piante, ecosistemi e popolazioni indigene che vengono torturati, bruciati, uccisi, schiavizzati. Molti potrebbero suggerire che la risposta più adatta a questo problema sia proporre dei procedimenti industriali di produzione della ricchezza che non utilizzino le materie prime di quegli ambienti. Sfruttare altre materie prime prese altrove. Nulla di più sbagliato. Tale strategia sposterebbe solo il problema da un luogo a un altro.

Esiste una pena per i reati commessi contro la Foresta Amazzonica? Chi la decide? I governi occidentali o quelli locali, che spesso sono gli stessi che commissionano o eseguono i reati? La legge esiste ed è chiara, ma il Governo di Bolsonaro ha diminuito il numero di ispettori ambientali, rendendo così il potere esecutivo impotente. La legge esiste, è molto chiara, ma è una legge scelta dagli umani e applicata dagli umani, in palese conflitto di interessi.

L’ambientalismo democratico ritiene che sia giusto che l’animale, l’indigeno, la pianta e tutti coloro che subiscono i disastri ambientali possano avere voce in capitolo nella scelta della pena. Come? Per iniziare si può prendere spunto dall’esempio della Nuova Zelanda, che ha dato i diritti legali a un fiume che verrà rappresentato in sede giuridica da un Maori e un membro del governo locale. In questo caso potrebbe essere l’indigeno a rappresentare la foresta in sede legale.

2) In una normale industria casearia una mucca da latte produce circa 28 litri di latte al giorno per un periodo di 10 mesi, mentre una normale mucca produrrebbe circa 4 litri di latte al giorno solo nel periodo dell’allattamento. Allo stesso modo un animale da traino può arrivare a portare fino a 500 kg oltre il peso del veicolo che deve trasportare, può arrivare a correre fino ai 12 chilometri orari e lavorare per 12 ore consecutive. Tutto questo non avverrebbe se l’animale fosse, semplicemente, in libertà. Esiste una forma di pagamento, di retribuzione, di indennizzo o di compenso per un simile lavoro massacrante? Esistono dei “diritti sul luogo di lavoro” per gli animali?

Secondo l’ambientalismo democratico ogni lavoratore ha diritto a una forma di riconoscimento del lavoro svolto (stipendi congrui nel caso degli esseri umani, condizioni di lavoro e vita ottimali per quel che concerne gli animali). Per iniziare il Parlamento potrebbe votare una legge che garantisca che una percentuale del guadagno sul singolo prodotto venduto (litro di latte, per esempio) vada obbligatoriamente reinvestito nel miglioramento delle condizioni di lavoro dell’animale.

3) Ogni anno vengono tagliati alberi su cui nidificano uccelli, vengono abbattuti i luoghi di riparo di numerosi animali, vengono inquinati e deviati torrenti e fiumi, habitat naturali di molte specie di pesci. Ogni anno decine di alberi perdono il proprio diritto a un terreno appropriato. Esiste il concetto di proprietà privata nella società umana: la legge deve tutelare la proprietà privata da danni, furti e deve risarcirla nel caso in cui gli interessi dello Stato e della società richiedano un esproprio. L’ambientalismo democratico ritiene che sia giusto e necessario che gli animali, le piante e tutti gli esseri viventi possano avere accesso alla loro di proprietà privata, possano vederla tutelata e possano essere risarciti in caso di danni, furti o espropri.

La socialdemocrazia è una struttura sociale che ha funzionato benissimo negli ultimi 60 anni. Ora sarebbe necessario accettare tutti i suoi membri, e tutelarli tutti quanti. È necessario superare lo specismo e approdare a una forma di ambientalismo che tenga conto dei diritti di tutti gli esseri viventi che popolano il nostro pianeta.

a cura del gruppo di Ambientalismo Democratico

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui