Noam Chomsky Pepe Mujica documentario

Noam Chomsky e Pepe Mujica per la prima volta insieme alle prese con una telecamera, un microfono e un regista tanto bravo quanto ambizioso, per dare vita a un documentario 2.0, rivolto all’intera umanità ma in modo particolare ai Millennials. Il regista messicano Saúl Alvídrez ha intuito che mettendo insieme per la prima volta due giganti mondiali quali il linguista e filosofo Noam Chomsky e l’ex presidente dell’Uruguay Pepe Mujica, si può realizzare qualcosa di terribilmente attuale e originale.

Noam Chomsky e Pepe Mujica: due vite a sinistra

Noam Chomsky e Pepe Mujica sono universalmente definiti due giganti della cultura e della politica. Chomsky è definito dal New York Times come “il più importante intellettuale oggi vivente“, mentre Mujica “il presidente ‘povero’ che tutti vorrebbero avere“. I due hanno fatto dell’attivismo culturale e politico la loro grande forza, fino a giungere al coronamento di icone mondiali.

Noam Chomsky: intellettuale e attivista

Noam Chomsky nasce il 7 settembre 1928 a Philadelphia in una famiglia ebrea ashkenazita. Grande sostenitore della libertà d’espressione, non può essere etichettato sotto l’unica definizione de “il più grande linguista di fama mondiale“, in quanto durante la sua carriera ha saputo spaziare con grande genio e maestria in diversi campi, partendo dall’attivismo politico e dalle riflessioni filosofiche fino a giungere alle teorie comunicative grazie alle quali è riuscito a conquistare un ruolo di primissimo piano.

Analizzando più da vicino la sua vita, è indubbio che Noam Chomsky sia un uomo complesso: un intellettuale che dedica i suoi studi alla grammatica generativa trasformazionale e allo stesso tempo non riserva timori di esporsi a livello politico. Arrestato più volte per le proprie convinzioni ideologiche anarco-sindacaliste o liberal-socialiste, si afferma quindi da un lato come un grande intellettuale di sinistra e dall’altro come un ingombrante attivista politico.

Sin dal 1962 Chomsky si pronuncia contro la guerra in Vietnam e da allora in poi l’attivismo e la dissidenza politica saranno sempre parte della sua vita. Nel frattempo trae dalle sue numerose esperienze una ricca rosa di saggi, interviste e riflessioni su ampie tematiche: comunicazione, informazione, economia, politica, diritti umani e sociali.

Pepe Mujica: guerrigliero e presidente

Pepe Mujica nasce a Montevideo il 20 maggio del 1935 da padre basco e mamma italiana. Negli anni Sessanta, durante la dittatura uruguaiana, si unisce al movimento dei Tupamaros noti anche come MLN (Movimiento de Liberación Nacional, o Movimento di Liberazione Nazionale), un’organizzazione di guerriglia urbana di ispirazione marxista-leninista.

Pepe Mujica trascorre 14 anni in carcere fino al 1985, e dal 2010 al 2015 diviene presidente dell’Uruguay. Sebbene arrivi ai grandi vertici della politica, la sua indole e i suoi ideali non vengono mai traditi. Rinuncia fin da subito al 90% del proprio stipendio per dedicare il proprio tempo al lavoro della terra e al commercio dei prodotti locali. La vita continua nella sua semplicità senza brama di conquista, potere e lusso.

Ad oggi viene considerato il presidente più famoso della storia per le sue scelte politiche e personali. Anche se alcuni colleghi lo considerano come un personaggio “scomodo”, è stato l’unico in grado di fare politica in modo diverso, senza il bisogno di esibire e sfruttare la propria posizione sociale elevata. Pepe Mujica è stato quel presidente e quel politico che ha incarnato e realizzato l’unico reale scopo della politica: pensare e fare il bene comune.

Documentario Chomsky & Mujica
Fonte: ilbenecomune.it

Il documentario che nasce da una “necessità”

Quello di Noam Chomsky e Pepe Mujica è stato quindi un incontro senza precedenti, nel quale due esperienze di vita così dense hanno saputo dialogare insieme. La sensibilità del regista messicano Saúl Alvídrez, da sempre membro attivo del movimento studentesco #yoSoy132 e con una forte passione per il diritto, l’economia e il racconto, è stata in grado di mediare il confronto dei due grandi maestri.

Grazie agli studi e agli approfondimenti, Saúl Alvídrez comprende la necessità di realizzare un grande dibattito pubblico, un grande cambio di direzione. Si rende conto che i tempi non stanno cambiando solo a parole, bensì con la politica, con i fatti e le catastrofi naturali. Ecco allora che un progetto documentaristico avente come voci protagoniste quelle di due idoli, che non si erano mai rivolti parola prima d’ora, potrebbe essere la storia di cui l’umanità, in questo incerto presente, ha più bisogno e necessità.

Il regista messicano riunisce così le due icone mondiali, durante un fine settimana a Montevideo (Uruguay), per discutere di attualità, politica e futuro, offrendo al pubblico punti di vista e soluzioni differenti sui temi più caldi del momento. Il documentario, dal titolo Chomsky & Mujica non è ad oggi ancora terminato, ma prossimo alla fase di post-produzione. Su Kickstarter, piattaforma web di micro-finanziamento per progetti creativi, si può accedere all’anteprima del documentario e partecipare al finanziamento della fase finale del progetto.

Perché rivolgersi ai Millennials

Durante un’intervista televisiva sulla futura uscita del documentario Noam Chomsky & Pepe Mujica, il regista Saúl Alvídrez si esprime in questi termini: “Le giovani generazioni hanno ereditato il collasso ecologico, economico, politico e sociale del nostro insostenibile modello di sviluppo. Pertanto è necessario realizzare un cambiamento globale radicale nei prossimi anni; ma come?“. È così che il giovane autore definisce il futuro a cui i Millennials andranno incontro: “collasso insostenibile“.

Ed è da qui, da questo sottinteso catastrofismo, che va ricercata la chiave dell’intero lavoro documentaristico: siamo i primi a richiedere attraverso le diverse mobilitazioni la necessità di apporre modifiche al sistema e di attuare un cambiamento globale. Ed è giusto che insieme alla mobilitazione ci vengano date anche risposte concrete, che sappiano alimentare un sensato dibattito pubblico. Noam Chomsky & Pepe Mujica potrebbe essere il luogo adatto per riflettere e trovare ciò che stiamo cercando. In realtà ne siamo piuttosto sicuri.

Marta Barbera
Fonte immagine di copertina: RSI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here