Il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, e sua figlia, Kim Ju-ae (fonte: Kcna.kp)

Kim Juae, la figlia del leader della Corea del Nord, Kim Jongun, ha da poco fatto la sua prima comparsa sui media statali. In seguito, ha anche attirato l’attenzione durante alcune apparizioni pubbliche. Tali eventi rappresentano una significativa rottura rispetto alla consueta prassi della famiglia Kim, da sempre restia al mostrare pubblicamente i propri membri, soprattutto quelli più giovani (come in questo caso). Ad esempio, la prima foto ufficiale di Kim Jongun è stata resa pubblica solo quando aveva già compiuto 27 anni, nel 2010, un anno prima della morte di suo padre, Kim Jongil.

L’inaspettata presentazione pubblica di Kim Juae ha suscitato molti dubbi e speculazioni sul futuro erede del leader coreano, soprattutto considerando che tale posizione è tradizionalmente riservata a un figlio maschio. Il governo non ha né confermato né smentito alcuna informazione su di lei. Ciò non stupisce siccome la dinastia Kim rimane uno dei misteri più impenetrabili del mondo politico contemporaneo. Nonostante sia al potere da oltre 70 anni, le informazioni affidabili sulla loro vita privata sono poche. La Corea del Nord è il Paese più chiuso del mondo, con uno dei regimi più restrittivi e totalitari della storia e, in generale, la trasparenza non è uno dei punti di forza del “regno eremita”.

Cosa si sa della figlia di Kim Jongun?

Kim Jong-un e sua figlia, Kim Ju-ae, si recano in visita ai soldati dell'esercito della Corea del Nord il 27 novembre
Kim Jongun e sua figlia, Kim Juae, si recano in visita ai soldati dell’esercito della Corea del Nord il 27 novembre (fonte: Kcna.kp)

La notizia dell’esistenza della figlia di Kim Jongun è stata rivelata per la prima volta da Dennis Rodman, un ex giocatore dell’NBA che incontrò Kim Jongun a Pyongyang nel febbraio del 2013. Il leader della Corea del Nord, infatti, ha una grandissima passione per il basket e ha sviluppato un insolito rapporto di amicizia con lui. Rodman ha definito Kim Jongun «un ragazzo meraviglioso» e «un amico per la vita», suscitando molte critiche a livello internazionale a causa delle sue dichiarazioni pubbliche a sostegno del regime nordcoreano.

In un’intervista al The Guardian, Rodman ha rivelato di aver tenuto in braccio Kim Juae, la figlia di Kim Jongun e sua moglie Ri Solju. Secondo Rodman, Kim Jongun è «un bravo padre e ha una bellissima famiglia». L’ex giocatore ha poi dichiarato di aver trascorso del tempo con la famiglia del leader nordcoreano al mare durante il suo viaggio in Corea del Nord.

Il servizio di intelligence nazionale sudcoreano ha affermato che Kim Juae è nata intorno al gennaio 2013, ciò significa che attualmente ha 10 anni. Questa informazione confermerebbe quanto affermato da Rodman. Inoltre, si presume che sia la secondogenita di Kim Jongun e Ri Solju. Secondo l’emittente statunitense CNN, il loro primo figlio potrebbe essere un maschio nato nell’estate del 2010, mentre un terzo figlio potrebbe essere nato all’inizio del 2017, ma in entrambi i casi queste informazioni restano incerte.

L’esistenza di Kim Juae è stata confermata solo nel novembre del 2022, quando ha fatto la sua prima apparizione pubblica accanto a suo padre durante il lancio di un missile balistico intercontinentale (ICBM) denominato Hwasong-17. In seguito, Kim Juae ha fatto diverse apparizioni pubbliche, tra cui alcune comparse alle parate militari e alle cene con alti comandanti militari. Nel febbraio 2023, Kim Jongun e sua figlia hanno partecipato a un banchetto per commemorare il 75° anniversario della fondazione dell’Armata del Popolo Coreano. Pochi giorni dopo, Kim Juae è stata al centro di una grande parata militare, suscitando molta attenzione mediatica. In ogni apparizione pubblica sembra essere molto vicina al padre e gli dimostra un forte affetto.

Kim Juae sarà il futuro leader della Corea del Nord?

Kim Jong-un e sua sorella, Kim Yo-jong
Kim Jongun e sua sorella, Kim Yojong (fonte: Wikipedia Commons)

Da quando Kim Juae ha fatto il suo debutto sulla scena politica internazionale, ci sono state diverse ipotesi su chi possa essere il successore designato dal leader nordcoreano. Soprattutto in passato, si riteneva che uno dei probabili candidati potesse essere la sorella minore di Kim Jongun, Kim Yojong. Attualmente lei è l’unica donna presente nella Commissione per gli Affari di Stato, l’organo politico del Paese. Secondo il servizio di intelligence nazionale sudcoreano, Kim Yojong potrebbe essere il “secondo in comando de factodella Corea del Nord.

Gli esperti di politica internazionale temono che questa situazione possa portare a una guerra di successione tra i membri della famiglia, come è già avvenuto in passato. David Straub, un ex diplomatico dell’ambasciata americana a Seoul, ha dichiarato al Daily Beast che la recente esposizione pubblica di Juae potrebbe essere un segnale preoccupante per Kim Yojong. Riferendosi agli omicidi di Jang Songthaek e Kim Jongnam, Straub ha affermato: «Kim [Yojong] ha visto assassinare lo zio e il fratellastro. […] Scommetto che tutti i membri del clan dei Kim lo ricordano, forse soprattutto Yojong

Come potrebbe avvenire per Kim Juae, anche l’ascesa al potere di Kim Jongun non è stata lineare. L’attuale leader è succeduto a suo padre, Kim Jongil, nel dicembre 2011. Inizialmente, si credeva che il successore sarebbe stato Kim Jongnam, il fratello maggiore di Kim Jongun. Tuttavia, è stato escluso dalla successione perché considerato “disobbediente” dopo aver criticato apertamente il regime. Nel febbraio 2017, Kim Jongnam è stato assassinato con un agente nervino chimico all’aeroporto di Kuala Lumpur, in Malesia, presumibilmente per ordine di Kim Jongun. Da allora, l’attuale leader ha consolidato il suo potere eliminando i suoi reali e potenziali avversari.

Nel dicembre 2013 ha ordinato anche l’esecuzione di suo zio, Jang Songthaek, considerato il secondo uomo più potente del Paese. La sua esecuzione è stata vista come l’eliminazione dell’ennesimo contendente per rafforzare la sua posizione di leader supremo. Dunque, la sopravvivenza di Kim Yojong potrebbe essere in serio pericolo nel caso in cui rappresenti una minaccia per l’ascesa di Kim Juae.

Ma sebbene alcuni sostengano che la partecipazione della figlia agli eventi pubblici confermi la volontà del leader di designarla come erede, altri, come l’ex generale sudcoreano Chun Inbum, credono che sia solo una strategia per riportare l’attenzione della stampa internazionale sulla forza militare della Corea del Nord. «Credo che i nordcoreani abbiano capito che questo è un modo per attirare l’attenzione internazionale. Quindi, con tutto l’interesse che si sta accumulando, si stanno divertendo. In sette decenni di storia, i loro successori sono sempre stati un mistero per noi. Perché dovrebbero cambiare il loro modo di operare ora? Quindi, se dovessi scommettere cinque dollari, direi che non è lei il successore» ha dichiarato alla CNN.

In ogni caso, Kim Jongun è colui che designerà il suo erede e non è escluso che possa sorprendere tutti con una scelta inaspettata. Tuttavia, essendo ancora giovane, non ha fretta di nominare un successore, perché sa che potrebbe perdere la sua autorità governativa. A meno che non abbia seri problemi di salute, è altamente improbabile che abbia già scelto sua figlia come futuro leader.

Matthew Andrea D’Alessio

Sono nato nel 1999 e ho trascorso la mia infanzia leggendo libri e scrivendo storie. Questa passione mi ha spinto a intraprendere gli studi umanistici all’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, dove mi sono laureato in lingue e letterature straniere. Convinto che la conoscenza debba essere alla portata di tutti, collaboro con Libero Pensiero per diffondere l’informazione nel rispetto dell’obiettività giornalistica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.