Home Ambiente All4Climate, la forza delle nuove generazioni per la COP26

All4Climate, la forza delle nuove generazioni per la COP26

264
All4climate
Fonte immagine: tg24.sky.it

Youth4Climate: Driving Ambition, evento di portata globale dedicato ai giovani, si svolgerà nella città di Milano dal 28 al 30 settembre 2021. In vista della ventiseiesima Conferenza sul clima organizzata dalle Nazioni Unite, il governo italiano e quello britannico hanno scelto il capoluogo lombardo per ospitare una tre giorni di confronto e dialogo sul tema dei cambiamenti climatici. Ma non saranno i delegati degli Stati i protagonisti dell’incontro preparatorio della COP26: è qui la vera novità. A proporre, discutere e dare visibilità ad approcci e buone pratiche sull’argomento sarà infatti la nuova generazione di leader dell’azione per il clima.

«Il futuro del pianeta è una sfida che riguarda soprattutto i giovani, che in questi ultimi anni sono stati portabandiera nella battaglia per la lotta contro il global warming e per la sostenibilità ambientale. Da loro sono giunti gli stimoli più forti e costruttivi alla classe dirigente mondiale. A loro intendiamo dare voce, rilievo e visibilità in vista della Conferenza sul clima di fine anno. Crediamo sia fondamentale che le scelte che riguardano il domani siano condivise, anche indicate, da chi nel domani dovrà vivere e del pianeta di domani sarà responsabile». Lo affermava l’ex Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ed è proprio questa la missione fondante dell’evento di Milano, che si inserisce in un percorso di coinvolgimento dei giovani avviato già nel 2019, con l’United Nations Youth Climate Summit, svoltosi a New York il 21 settembre 2019.

Per ciascuno dei 197 paesi che fanno parte dell’UNFCCC saranno selezionati due ragazzi di età compresa tra i 15 e i 29 anni. Il requisito dell’età non è però l’unico da rispettare per poter partecipare a Youth4Climate: Driving Ambition. Occorre anche che il candidato faccia parte di un gruppo, un’impresa o un’associazione e che nella domanda di partecipazione illustri le attività già svolte nell’ambito dell’azione per il clima e dello sviluppo sostenibile. Come si legge sul sito del Ministero dell’Ambiente, tra tutte le proposte presentate saranno selezionate quelle che, per qualità e rilevanza, saranno ritenute idonee a entrare a far parte del Programma “All4Climate -Italy2021” ovvero il calendario ufficiale degli appuntamenti che avranno luogo in tutta Italia nel corso di quest’anno.

Per fare del 2021 l’anno dell’ambizione climatica, le proposte presentate nel Programma “All4Climate – Italy2021” serviranno da imput per l’organizzazione di eventi relativi alle seguenti tematiche: riduzione delle emissioni nei contesti urbani, politiche di mitigazione e adattamento al cambiamento climatico, impegno globale dei giovani per favorire il raggiungimento degli obiettivi definiti dall’Accordo di Parigi, progressiva introduzione di argomenti di educazione climatica nei programmi scolastici di ogni ordine e grado, divulgazione scientifica e sensibilizzazione della società civile. Per partecipare al Programma e fornire il proprio contributo, gli interessati hanno tempo fino al 15 giugno.

Superata la selezione, 400 giovani entreranno a far parte di gruppi di lavoro tematici e avranno la possibilità di confrontarsi con i ministri partecipanti alla Pre-COP, un altro evento preparatorio che si terrà a Milano dal 30 settembre al 02 ottobre. In questo modo, i risultati prodotti dall’incontro tra i giovani leader dell’azione per il clima diventeranno parte del processo di negoziazione che si concluderà a novembre con la Conferenza delle Parti di Glasgow. Se la COP26 passerà alla storia come un momento memorabile nella lotta al cambiamento climatico è ancora presto per poterlo dire, ma una cosa è certa: il suo successo passerà anche e soprattutto dalla capacità di accogliere e attuare le istanze elaborate dalle nuove generazioni nell’ambito di “All4Climate – Italy 2021“.

Virgilia De Cicco

Greenpeace

Ecofemminista. Autocritica, tanto. Autoironica, di più. Mi piace leggere, ma non ho un genere preferito. Spazio dall'etichetta dello Svelto a Murakami, passando per S.J. Gould. Mi sto appassionando all'ecologia politica e, a quanto pare, alla scrittura. Non ho un buon senso dell'orientamento, ma mi piace pensare che "se impari la strada a memoria di certo non trovi granché. Se invece smarrisci la rotta il mondo è lì tutto per te".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui