Plastic Free July, la plastica monouso ha i giorni contati
https://images.unsplash.com/

Negli ultimi anni la plastica è diventata un problema sempre più grande per il nostro pianeta, arrivando oggi ad essere ingestibile. La produzione della plastica è aumentata arrivando a 448 milioni di tonnellate nel 2015 rispetto alle 2,3 milioni di tonnellate del 1950, un numero che è destinato a incrementare entro il 2050. La maggior parte della plastica si riversa nei mari e negli oceani dove ogni anno se ne sversano circa 8 milioni di tonnellate, danneggiando in questo modo non solo la salute degli animali e dell’ecosistema marino, ma anche dell’uomo. Da ritenere più pericolosa è la plastica monouso.

La plastica monouso è entrata a far parte della nostra quotidianità, non facciamo più caso al fatto che scegliamo sempre questa soluzione “comoda” ma dannosa. L’accumulo di plastica ha forti effetti sull’ambiente, infatti contenitori di polietilene (materiale impiegato per la creazione di sacchetti, nastro adesivo, bottiglie, sacchi della spazzatura) o di cloruro di polivinile (impiegato per la produzione di contenitori per uova, tubazioni e pellicole isolanti) abbandonati nell’ambiente impiegano da 100 ai 1000 anni per essere biodegradati. Il corretto smaltimento e riciclaggio di questi oggetti sono una soluzione al problema, ma ormai non bastano più, bisogna trovare altri modi alternativi per diventare più plastic free.

Il movimento Plastic Free July (luglio senza plastica), nato nel 2011 dalla Plastic Free Foundation, ha come scopo sensibilizzare la popolazione sull’uso della plastica monouso e incentivarla a ridurne l’utilizzo almeno per il mese di luglio.

Solo nel 2020 l’ammontare delle persone che hanno partecipato al movimento in tutto il mondo sono state 326 milioni e hanno portato, secondo il report d’impatto di Plastic Free July, alla riduzione di 21kg di rifiuti per persona e lo spreco di 900 milioni di kg di plastica monouso (bottiglie, cannucce, imballaggi). Per coloro che decideranno di prendere parte al movimento, ogni giorno riceveranno consigli, notizie, video e informazioni per aiutare a sviluppare piccole abitudini senza l’uso eccessivo di plastica.

Il movimento Plastic Free July però non è l’unico a lavorare per diminuire l’utilizzo di plastica. Dal 3 luglio 2021 è vietata la vendita negli stati membri dell’Unione Europea di prodotti in plastica monouso

La discussione di bandire la plastica monouso è iniziata nel 2015 e nel 2019, con 560 voti favorevoli, 35 contrari e 28 astensioni, la plastica monouso è stata finalmente vietata. Secondo la direttiva UE 2019/904 entro il 3 luglio 2021 doveva essere bandita la vendita di plastica monouso quali: posate, piatti, cotton-fioc, cannucce, plastiche ossi-degradabili, contenitori per alimenti e tazze in polistirolo espanso. Inoltre l’UE ha anche stabilito che il 90% delle bottiglie di plastica dovrà essere raccolto dagli stati membri entro il 2029, esse dovranno contenere almeno il 25% di contenuto riciclato entro il 2025 e il 30% entro il 2030.

Un piano che fa sperare in un cambio di rotta positivo, seppur minimo, per il nostro pianeta. Tuttavia l’Italia ha deciso di gestire la situazione a suo modo non bloccando la vendita di plastica monouso.

Il divieto di vendita di plastica è un problema per il nostro Paese che è il primo produttore di plastica monouso in Europa, detiene il 60% del mercato europeo con 280 aziende e 815 milioni di euro di fatturato annuo. Quindi la scadenza del 3 luglio in Italia è passata inosservata, ma non per le Ong come Greenpeace, Ecos e Rethinking Plastic che hanno denunciato l’Italia per il mancato adeguamento alle direttive dell’Unione Europea.

«L’Italia sembra preferire una finta transizione ecologica. Se vogliamo andare oltre la plastica e la cultura del monouso, dobbiamo evitare la semplice sostituzione dei materiali e promuovere soluzioni basate sul riutilizzo […]. Il governo ha il dovere di guidare l’industria verso una vera transizione ecologica con norme basate sulle conoscenze scientifiche e che mettano al primo posto la tutela degli ecosistemi anziché modelli di business inquinanti. Se quanto stabilito dal parlamento verrà confermato dal Governo Draghi e dal ministro Cingolani danneggeremo due volte il Paese: il nostro sistema industriale resterà ancorato a logiche che appartengono al passato e fatalmente subiremo una procedura d’infrazione, con danni economici a carico della collettività» dichiara il responsabile della campagna Inquinamento di Greenpeace Italia, Giuseppe Ungherese. L’Italia ha inoltre varato una legge che va contro la direttiva europea promuovendo le plastiche biodegradabili. Secondo Tatiana Luján , esperto di legislazione sulle plastiche di ClientHeart, le plastiche biodegradabili sono una falsa soluzione perché servono temperature elevate affinché la degradazione avvenga.

La soluzione sembra abbastanza chiara: non eliminare la plastica potrebbe costare la salute del pianeta Terra e la nostra. Alcune soluzioni a primo impatto efficaci, in realtà sono solo un sano greenwashing delle aziende che guadagnano dalla spinta che ha la popolazione di voler cambiare in meglio. Le alternative alla plastica ci sono. Saranno le scelte dei singoli cittadini a fare la differenza.

Gaia Russo

Eterna bambina con la sindrome di Peter Pan. Amante dei viaggi, della natura, della lettura, della musica, dell'arte, delle serie tv e del cinema. Mi piace scoprire cose nuove, mi piace parlare con gli altri per sapere le loro storie ed opinioni, mi piace osservare e pensare. Studio lingue e letterature inglese e cinese all'università di Napoli "L'Orientale".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui